Crisi economica e pet: calo dei fondi per canili

di Redazione Commenta

Crisi economica

La crisi economica che non accenna a lasciare il nostro paese colpisce anche gli animali domestici. Le famiglie sempre più spesso non riescono più a gestire le spese veterinarie e di amministrazione ordinaria del proprio pet, e sono costretti a lasciarli in strutture pubbliche, o peggio, ad abbandonarli. Ma non solo, i canili italiani sono stracolmi di cani di tutte le razze e di tutte le età, mentre i fondi destinati a queste strutture sono in continuo calo.

fondi per la tutela del benessere e per la lotta all’abbandono degli animali da compagnia, che il Ministero della Salute hanno iniziato a stanziare ogni anno a partire dal 1991, nel 2012 sono stati di oltre trecentomila euro, che è esattamente un decimo rispetto all’anno 2010. Insomma, fondi in calo per il benessere dei pelosini sfortunati abbandonati o non più detenuti, e spesso le associazioni che si occupano delle strutture cercano fondi e aiuti da privati, anche se è sempre più difficile reperirli.

Il fondo che abbiamo indicato sopra pensate che viene distribuito diversamente alle regioni a seconda di tre criteri: il 42% della disponibilità viene elargito in base al numero dei cani e dei gatti di proprietà, il 33% in base numero dei cani e dei gatti randagi presenti e il restante 25% in base al numero degli abitanti delle regioni e province autonome. Ovviamente in base a questi criteri vi è una grandissima differenziazione tra quanto viene elargito nelle regioni del nord e del sud.

A parte i criteri di ripartizione, il dato che fa riflettere è quello relativo al calo di questi fondi, insufficiente per gestire correttamente tutti gli animali domestici rinchiusi nei canili. Speriamo che la situazioni migliori sensibilmente e che il numero dei cani abbandonati su strade ed autostrade cessi di aumentare.

Fonte Wired

Foto credit Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>