Cane di razza Boxer veglia la padrona morta

di Redazione 1

cane Boxer veglia padrona morta

Ancora una storia di amore e fedeltà che vede protagonista una femmina di Boxer al capezzale della sua padrona morta per un malore in casa, e che ha vegliato per ore, forse addirittura per 2 giorni. A dare l’allarme è stato il marito, che era ricoverato in ospedale, mentre i figli erano all’estero.

Dopo una chiamata dell’uomo al 113, una pattuglia si è recata all’appartamento della coppia, che però era chiuso a chiave. E’ stato necessario, perciò, l’intervento dei vigili del fuoco, che da una finestra hanno intravisto la donna distesa sul letto. Il decesso è avvenuto per cause naturali. Tessy, così si chiama il boxer che ha vegliato la sua padrona, per il momento è stato affidato ad un canile, nell’attesa che il suo padrone venga dimesso dall’ospedale.

La storia di questo cane fa davvero tenerezza, la sua dimostrazione di amore incondizionato verso la padrona, infatti, non può non suscitare in ciascuno di noi una riflessione sui nostri amici a 4 zampe, da sempre capaci di gesti amorevoli verso l’uomo, spesso anche non se lo merita. Qualche mese fa, un altro cane, un Bulldog inglese, ha dato prova di grande affetto restando fedele alla sua padrona, che soffriva di problemi cardiaci, sino all’ultimo istante. L’animale, infatti, per richiamare l’attenzione di vicini e dei soccorsi ha ululato e guaito durante l’agonia dell’anziana signora.

Dopo qualche ora è arrivata una pattuglia locale che ha trovato la donna distesa sul pavimento senza vita con al fianco il fedele compagno di sempre, che non si è mai allontanato da lei e che poco dopo si è accasciato a terra a sua volta sotto gli occhi dei carabiniere e del personale medico, lasciando loro la testimonianza di quanto il dolore possa essere insopportabile anche per un animale e di quanto il legame con l’uomo sia speciale e forte. I cani sono eccezionali, ne sono sempre stata convinta.

Photo Credit|ThinkStock

//www.tuttozampe.com/english-bulldog-dolce-dormiglione/28186/

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>