2 Gatti destinati a finire affogati in un fiume

di cinzia iannaccio Commenta

Stavo lavorando in un fienile, dove qualcuno aveva abbandonato una gatta molto carina e incinta. Era anche molto dolce, ma ben presto è scomparsa dalla vista mia e degli altri colleghi. Abbiamo ipotizzato che si fosse appartata per partorire e nascondere i suoi gattini. Dopo un paio di settimane abbiamo ricominciato a vederla gironzolare intorno alla stalla, ma mai ci lasciava un indizio di dove potessero essere i suoi piccoli. Poi è scomparsa di nuovo, per una settimana, ed il nostro responsabile affermò con derisione che era meglio così perché se avesse trovato quei gattini li avrebbe infilati in una sacca di iuta e gettati nel fiume-.

 

gatti-in-una-cesta


Rimasi molto delusa e sperai in un finale migliore per loro. Pochi giorni dopo, vicino al pollaio, ho sentito dei piccoli miagolii provenienti dall’interno del muro. BINGO! I gattini! Ho passato più di un’ora cercando di catturli, poiché si affacciavano con la testolina fuori solo per pochi attimi, ma la persistenza ha premiato. Erano 2 micetti grigi. Tenendo presente il loro potenziale destino, li ho portati  via a casa mia, dove ho detto a mio marito: “io non so quello che sto per fare con loro, ma non potevo lasciarli morire nel fiume.”

Un anno è già passato, velocemente: abbiamo mantenuto entrambi i gattini, Rhino e Daisy, fratello e sorella, complici e miei compagni di coccole. Rhino ha una personalità grande come il suo omonimo e Daisy è dolce e gentile. A volte mi chiedo se non fossi stata io a trovarli quel giorno, sarebbero sono stati realmente gettati nel fiume? Sono solo contenta che non sapremo mai la risposta.
Dessa
Pine , CO

 

 

 

Per The Animal rescue Site.com

Leggi qui, altre straordinarie Storie di gatti e Storie di cani

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>