Veterinario, oltre le cure c’è di più: prevenzione ed informazione

di Paola P. 4

Veterinario: spesso ci limitiamo a considerarlo un medico che somministra vaccini e trova la giusta terapia al nostro cane piuttosto che al gatto malato. In realtà, si tratta di una figura di riferimento importante che può aiutarci a capire come prenderci cura del nostro pet nel migliore dei modi. Un supporto che spazia dalla dieta più adatta alla prevenzione delle malattie più comuni di questa o quella razza, ai consigli sugli antiparassitari che fanno al caso nostro, ai suggerimenti sui rischi da cui stare in guardia nella nostra area geografica di residenza, o ancora alle precauzioni da prendere prima di un viaggio all’estero (farmaci da portarsi dietro, vaccinazioni, pericoli in aereo per i Bulldog).

Parliamo dell’importanza degli esami annuali, ad esempio. Sono a dir poco utili eppure spesso ci si limita semplicemente ad effettuare il richiamo di una vaccinazione e per il resto si ignorano i controlli sullo stato di salute generale dell’animale. Niente di più sbagliato. Come spiega il dottor Bernadine Cruz, veterinario al Laguna Hills Animal Hospital di Laguna Woods, in California, in un anno possono cambiare tante, troppe cose in un cane piuttosto che in un gatto:

Un colorito anomalo alle gengive del gatto può trasformarsi in una brutta gengivite. Un semplice soffio al cuore in un cane può precipitare in un disturbo cardiaco più grave e sfociare nelle prime fasi di uno scompenso cardiaco.

Fino ai sette anni di età, spiega l’esperto, a meno che non ci siano problemi di salute particolari, un controllo su base annuale è sufficiente. Varcata questa soglia potrebbero invece rivelarsi necessarie visite di routine più frequenti. Un consiglio che i veterinari danno ai proprietari che non amano i conti salati delle spese veterinarie è di adottare un meticcio. Ne abbiamo già ampiamente discusso su Tuttozampe: i cani di razza, spesso, per via di una ricerca ossessiva della purezza genetica, sono più soggetti a determinate malattie, tanto che alcune patologie, per via dell’alta ricorrenza in una razza, non di rado ne prendono addirittura il nome.

Commenta!

Commenti (4)

  1. Buonasera, sono Maria Teresa, faccio i complimenti per il Vostro sito e nello stesso tempo avrei bisogno di un consiglio, do da mangiare a dei gatti davanti casa da anni ma da circa quindici giorni mi sono resa conto che hanno preso la rogna , mi dispiace perchè soffrono, cosa posso dargli magari nel mangiare perchè non si fanno toccare?
    Grazie infinitamente se mi rispondete.

    1. ciao Maria Teresa grazie a te di seguirci. Sul nostro sito trovi due approfondimenti sulla rogna nel gatto, per riconoscere il tipo dai sintomi e anche informazioni sui diversi trattamenti possibili e sui medicinali che si usano solitamente. Per la prescrizione dei farmaci devi rivolgerti al veterinario. Spero di esserti stata utile. Ecco i link dei pezzi:
      http://www.tuttozampe.com/rogna-sarcoptica-gatto/5502/
      http://www.tuttozampe.com/rogna-notoedrica-gatto/15746/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>