Rin Tin Tin, pastore tedesco da Oscar

 
cinzia iannaccio
17 gennaio 2012
commenti

Chi non ricorda il mitico Rin Tin Tin? Il cane protagonista avrebbe meritato l’Oscar come miglior attore, eppure, nonostante fosse stato ampliamente il più votato, l’Accademy di Holliwood non ritenne opportuno consegnare la statuetta al pastore tedesco più amato di tutti i tempi e proseguì con una nuova votazione che di fatto lo escludeva. Era il 1929, la prima grande notte degli Oscar della storia, che vide trionfare al posto di Rin Tin Tin, Emil Jaggins, star tedesca che di lì a poco rientrò in patria dove divenne indiscusso interprete della propaganda nazista. Che pessima figura con il nostro amico a quattro zampe ha fatto l’essere umano!

Ora però c’è la possibilità di restituire a Rin Tin Tin un onore negato ed anche alla statuetta degli Oscar un prestigio animalista. O almeno è ciò che chiede Susan Orlean, scrittrice americana autrice dell’ultima biografia sul famoso cane, Rin Tin Tin: The Life and the Legend (Rin Tin Tin: La vita e la leggenda). La Orlean ha infatti presentato all’Academy una richiesta ufficiale in questo senso e ci si aspetta un Oscar postumo. Rin Tin Tin morì all’età di 12 anni, tra le coccole della splendida attrice Jeane Harlow. La leggenda vuole che sia stato trovato da un soldato americano, Lee Duncan, in un canile distrutto in Lorena alla fine della prima guerra mondiale. Questi lo portò con se negli Stati Uniti, curandolo ed addestrandolo ogni giorno fino a quando il pastore tedesco non fu notato dal produttore cinematografico Darryl F. Zanuck che subito lo scritturò.

Con i suoi film Rin Tin Tin rappresentò sempre un simbolo di libertà, di giustizia e fedeltà. Anche per questo è ancora oggi un’icona del mondo del cinema e non solo. L’Oscar arriverà? Finora nonostante i grandi successi nessun animale ha mai ottenuto la statuetta: neppure il collie che interpretò Lassie in ben 7 film o Jiggs lo scimpanzé interprete di Cita di Tarzan, morto il mese scorso, tanto per citare i più leggendari. L’occasione per un’inversione di rotta si presenta a breve, in vista della prossima notte degli Oscar: una vera campagna mediatica si è già sviluppata in questo senso, a sostegno dell’Oscar per gli amici animali, ed è partita dai fan dell’ultima star a quattro zampe: Uggie il Jack Russell del film The Artist. Tra i sostenitori di questa ipotesi anche Steven Spielberg che ha firmato War Horse, un film con ben 10 cavalli attori protagonisti. Anche noi di Tutto Zampe vogliamo un Oscar pelosetto che dite?

Commenta!

Articoli Correlati
Il pastore tedesco che ama i cartoni animati (VIDEO)

Il pastore tedesco che ama i cartoni animati (VIDEO)

Non sono solo i bambini a essere spettatori incantati e anche molto partecipi dei film. Provate a mettere un amico a quattro zampe davanti a uno schermo e vederete da […]

Roxy, un cane da Oscar…

Roxy, un cane da Oscar…

Il Festival di Cannes ama gli amici a 4 zampe e ogni anno riserva loro un premio molto speciale… la Palm Dog! Anche i cani, infatti, sono spesso sul set […]

Morto Oscar, il cane “promotore” delle adozioni

Morto Oscar, il cane “promotore” delle adozioni

Oscar, un meticcio di Pastore tedesco, Corgi, Cocker spaniel e Basset hound, aveva una missione importante da portare avanti: l’adozione dei cani randagi nei canili. L’ambasciatore a 4 zampe, infatti, […]

Un Oscar anche per Uggie il cane di “The Artist”? Trailer del film

Un Oscar anche per Uggie il cane di “The Artist”? Trailer del film

Un Oscar anche per Uggie il cane di “The Artist”? Non propriamente, ma sì, finalmente quest’anno è stato istituito un premio speciale anche per i “cani attori” (e non viceversa). […]

Oscar, il gatto che predice la morte

Oscar, il gatto che predice la morte

E’ diventato una vera e propria celebrità, Oscar (nella foto sopra), un gatto a chiazze, bianco e grigio, che vive nell’ospedale Steere House, a Rhode Island, negli Stati Uniti. La […]