Zoom Torino, il contest web per il nome del cucciolo di siamango

di Fabiana Commenta

Fiocco azzurro nel Bioparco Zoom alle porte della città di Torino con l’arrivo di un altro cucciolo di siamango. Animale poco conosciuto, il siamango è la specie più grande della famiglia dei gibboni già considerata “in pericolo” e inserita nella rossa della Iucn, l’International Union for Conservation of Nature.

Il piccolo, figlio di Queenia e Kiang, si aggiunge alla famiglia per fare compagnia al ’fratellino’ Kiwi.

Il piccolo di siamango è nato lo scorso 22 maggio proprio in occasione della Giornata Mondiale della Biodiversit e al momento della nascita il cucciolo pesava 500 grammi. 

La famiglia dei siamanghi ospitato a Zoom vive nell’habitat Sumatra, in un’isola interamente dedicata a loro, e sembra essere in totale armonia come testimonia anche a nascita del secondo piccolo. Daniel Sanchez, responsabile dipartimento zoologico Zoom Torino spiega infatti che la riproduzione è l’indice di benessere degli animali.

E la coppia di siamanghi si è comportata esattamente come accade in natura: non appena il piccolo Kiwi è diventato indipendente dalla mamma, all’età di due anni, la copia si è riprodotta dando alla luce un altro cucciolo. La coppia di siamanghi vive all’interno di Zoom fin dal 2011 grazie al programma d’interscambio tra parchi appartenenti all’EAZA (Associazione europea che riproduce animali a rischio estinzione a fini conservazionistici).

E intanto dopo la nascita del secondogenito della coppia, è già partito il contest sul web per scegliere il nome del piccolo: al cucciolo verrà assegnato il nome più votato sul web. Tutti possono proporre il nome per il cucciolo direttamente dalla pagina Facebook del parco e poi sul sito www.zoomtorino.it. E al piccolo sarà assegnato il nome più votato.

 

photo credits | Facebook

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>