La scelta delle vaccinazioni per gli amici a quattro zampe

di Redazione Commenta

Sarebbe auspicabile che tutti i veterinari imparassero ad incoraggiare le persone a prendere delle decisioni importanti in merito alle vaccinazioni. Non è il caso, infatti, come è avvenuto negli scorsi anni, di creare una sorta di regola generale che dia al padrone piena libertà di scelta e, soprattutto, che sia difficilmente adattabile a tutte le specie di animali domestici. Ognuno di questi programmi, comunque, è ovvio, deve prendere in considerazione la massima copertura per le malattie potenzialmente mortali ed endemiche della zona in cui si trova il pet.

E’ stato notato da molti esperti nel campo medico, inoltre, che con le vaccinazioni polivalenti, cioè quelle che coprono tre o cinque malattie contemporaneamente, spesso è possibile che si verifichi una inibizione importante del sistema immunitario. Questo, è chiaro, può provocare dei significativi effetti collaterali. Ecco uno dei motivi per i quali, non bisogna lasciarsi prendere dalla voglia di proteggere eccessivamente il proprio animale, ma meglio affidarsi alle cure di chi svolge questo mestiere da anni e sa che, soprattutto, nei soggetti molto giovani, è meglio muoversi con estrema cautela.

La vaccinazione contro la tracheobronchite canina, ad esempio, non è giustificabile in quanto si tratta di un disturbo raramente mortale. Le eccezioni, però esistono e riguardano i cuccioli che, ad esempio, provengono da un allevamento o da un negozio dove sia presente un ceppo di tal genere molto forte o, addirittura, una epidemia. I veterinari, inoltre, non la considerano molto efficace, perchè, come capita per l’influenza dei gatti, sono molti i fattori che contribuiscono a causarla. Un altro aspetto a cui credono sempre più persone, è legato poi al fatto che spesso il vaccino viene inoculato tra le spalle, dove si trova un chakra presente soltanto nei quadrupedi e, nella stessa zona, vanno applicati pure gli antiparassitari. Sono noti, in questo caso, i danni al sistema energetico dell’animale e, quindi, è meglio preferire determinate soluzioni soltanto quando sono strettamente necessarie.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>