Animali e distanza di sicurezza

di Redazione Commenta

Il titolo, ovviamente, è una provocazione perchè per chi ama gli animali non esiste distanza di sicurezza, ma è vero che ultimamente sono sempre di più gli esperti che sconsigliano di “coccolare in modo umano” i propri amici a quattro zampe. Questi ultimi, infatti, non di rado sono portatori inconsapevoli di infezioni per le persone e il loro stesso equilibrio psicologico, se si esagera con le tenerezze, potrebbe risultarne danneggiato.

A prendere la parola questa volta è il Center for Disease Control (CDC), il quale ribadisce che sarebbe meglio evitare di avvicinarsi troppo agli animali domestici soprattutto se si conoscono poco, per mantenere integro il proprio stato di salute. Chi alleva un cane o un gatto, poi, non creda di essere del tutto al sicuro, anche se i controlli dal veterinario sono costanti. Secondo il gruppo dei ricercatori in questione, pessima idea sarebbe anche quella di trascorrere intere notti con il cucciolo nel proprio letto, ma ovviamente queste dichiarazioni rischiano solo di provocare aspre critiche da parte dei tanti padroni assolutamente innamorati del proprio micio o del cagnolino.

Gli esperti del Center for Disease Control, confermano però che gli amici a quattro zampe in certe condizioni causano problemi agli esseri umani, anche se all’apparenza sembrano del tutto sani. La causa principale è la zoonosi, ossia le malattie e le infezioni trasmesse da tali tenere creature soprattutto attraverso la saliva e la meningite è tra queste. Per verificare quanto poi detto, hanno effettuato molte osservazioni nel breve e lungo periodo, in merito al contatto prolungato con i più comuni animali domestici e hanno capito che certe abitudini andrebbero perse del tutto. In più, i controlli veterinari dovrebbero essere periodici e non legati soltanto ad eventuali disturbi o alle vaccinazioni di routine.

La ricerca, nuovissima, è stata pubblicata sulla rivista Emerging Infectious Diseases, in collaborazione con il Dipartimento della Salute.Gli occhi sono puntati quasi del tutto sulla pericolosità dei batteri presenti nella bocca degli animali, anche se, intendiamoci, il rischio di contrarre una infezione per fortuna è molto bassa. In pericolo chi ha difese basse e un sistema immunitario debole, ma nell’insicurezza visto che è difficile stabilire la propria resistenza ai virus, meglio adottare abituini più sane, senza per questo mancare di rispetto o amare di meno il proprio pet.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>