Vacanze con gli animali domestici, la sicurezza del cane (parte uno)

di Redazione Commenta

cane in acquaAcqua, acqua ovunque e neanche una goccia da bere. A differenza del vecchio marinaio della nota poesia di Coleridge, il vostro cane non vede il mare, gli stagni e qualsiasi altro corso d’acqua come pericoloso e imbevibile. E non si rende conto del prezzo alto che potrebbe pagare bevendo o nuotando nell’acqua stagnante e putrida.

In estate, la sicurezza in acqua per il vostro cane si estende ben oltre la prevenzione degli incidenti di annegamento. I cani sono esposti alle malattie e agli infortuni anche se non si tuffano in acqua. Per un mare di divertimento senza spiacevoli imprevisti, è bene essere consapevoli dei potenziali rischi che corre il nostro amico a quattro zampe vicino a corsi d’acqua.

Ricordate sempre di portare acqua potabile non solo per voi ma anche per il cane, mettendo nello zaino la ciotola così non sarà tentato di placare la sua sete da una fonte di acqua non potabile. Nell’acqua stagnante (paludi, laghetti, stagni), ad esempio, ci possono essere parassiti e batteri che potrebbero contaminare il cane, provocandogli sintomi come diarrea, vomito, perdita di peso, a causa della diarrea ed eccesso di produzione di gas intestinali, causata dal parassita.

Un particolare tipo di alghe, chiamato alghe blu-verdi, è estremamente pericoloso per il vostro animale domestico. Si trova principalmente nelle acque stagnanti, soprattutto a fine estate/inizio autunno. Anche una piccola quantità ingerita può uccidere il vostro cane nel giro di un’ora.

Poi c’è la piscina. Blu, pulita, senza traccia di alghe, quindi dovrebbe essere sicura, giusto? Sbagliato. Se il cane beve eccessivamente dalla piscina, tutto ciò che assorbe è cloro, alghicidi e bicarbonato di sodio che possono fargli tutt’altro che bene in quantità elevate.
In spiaggia, il cane può ingerire troppa acqua salata che può fargli molto male. In agguato ci sono altri pericoli come i pidocchi del mare (che causano prurito) e le meduse: occhi sempre aperti.
Dopo il bagno in mare, sciacquate abbondantemente il cane con acqua fresca immediatamente. Se vedete urti rossi, e il vostro cane si gratta furiosamente, portatelo da un veterinario per il trattamento.
La medusa, infine, può pungere il vostro animale domestico, provocando dolore e gonfiore. Anche in questo caso, correte dal veterinario.

[continua]

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>