Cane in vacanza e sicurezza in acqua

di cinzia iannaccio 1

cane vacanza sicurezza acquaIl cane in vacanza al mare, lago o piscina? Quando si cambia ambiente, come accade ad esempio durante la villeggiatura, occorre riprogettare gli spazi in sicurezza per i nostri cani: controllando che non vi siano in giro piante pericolose per loro, che non possano allontanarsi e perdersi o essere facilmente investiti da un’autovettura, ecc. Se si ha a che fare con l’acqua le attenzioni devono essere ulteriori. In che senso?

Molti amici a quattro zampe infatti amano l’acqua e tendono a tuffarcisi direttamente: non tutti i cani però sanno nuotare naturalmente in modo eccellente, altri invece, la prediligono per giocare con le zampette, ma possono avere paura di fare il bagno vero e proprio. Alcune razze inoltre, soprattutto quelle con i musetti schiacciati e la testa larga (esempio carlino, bulldog inglese, boston terrier) non sono in grado di galleggiare naturalmente. L’occasione è anche quella per insegnare loro a nuotare.  E’ quindi importante, soprattutto se si porta per la prima volta il pet in un contesto di acqua alta, seguire le seguenti regole.

Non lanciate mai il cane nell’acqua! Fatelo entrare lentamente. Non gettare la palla o un bastone che ama rincorrere in acque sconosciute: Fido potrebbe incappare in una roccia tagliente, in una corrente gelida o altro. L’ideale è sempre fargli utilizzare un giubbotto di salvataggio, non guasta mai per sicurezza, soprattutto se volete coinvolgerlo in vostre avventure in mare aperto : barca a vela, pesca, eccetera.

Il cane va sempre risciacquato con acqua pulita dopo il bagno al mare (per il sale e la sabbia), in piscina (a causa del cloro ivi contenuto) o nell’acqua dolce di fiumi e laghi che possono contenere batteri ed alghe pericolose per la sua salute. Fondamentale è asciugargli con delicatezza le orecchie (specie nei cani che le hanno lunghe, come il Basset Hound)

Se avete una piscina, bloccatene l’accesso con una recinzione ed un cancello, in modo che non possa cadervi dentro quando voi non ci siete (è una precauzione utile per tutti i membri della famiglia) ed insegnate a Fido ad uscire da solo, proprio come fareste con il vostro bambino. Buone nuotate a tutti.

Fonte: Mypetsmath

Foto: Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>