Un giorno da cani in rifugio

Avete mai pensato di mettervi nei panni di un cane? A pensare a cosa può provare stando chiuso in una gabbia in canile? A stare soli tutto il giorno? Al Cape Ann Animal Aid, un rifugio per cani abbandonati del Massachusetts, un gruppo di volontari ha provato un singolare esperimento. Ecco di cosa si tratta.

cane-in-box

Quattro gattini in un secchio persi e ritrovati (VIDEO)

Questa è la storia di una famigliola di gattini neonati ‘residenti’ in un secchio, di una separazione involontaria con la loro mamma, di uomini di buona volontà e cuore che li hanno fatti ricongiungere. Mamma gatta deve aver vissuto momenti di panico quando non ha trovato più i suoi quattro piccoli che lei stessa aveva messo in un secchio per proteggerli, abitando in un cantiere di una casa in costruzione a Naples in Florida. Senonché il secchio che ospitava i piccoli, a fine giornata è stato caricato su un camion da un operaio che ha percorso 45 chilometri per tornare a casa e solo scaricando il materiale da lavoro si è accorto che era abitato…

 

 

 

Anche i cani a caccia di Pokemon

“State cercando di far schiudere un uovo o di catturare un raro Pokemon? Venite al Muncie Animal Shelter e portate a spasso uno dei nostri cani mentre giocate. È sufficiente che vi presentiate al front desk chiedendo dei Pokemon Dogs”. La geniale trovata è di Phil Peckinpaugh, direttore di un rifugio per animali nell’Indiana in Usa. Sfruttando la popolarità della nuova App, Pokemon Go, che fa apparire i mostriciattoli nel mondo reale, Peckinpaugh ha lanciato un invito ai giocatori sulla pagina Facebook del suo centro, per portare con loro i cani abbandonati nelle lunghe passeggiate per scovare i Pokemon. E ha avuto subito un inaspettato riscontro.

 

Avviso di un rifugio per giocatori Pokemon Go

 

Gattini colorati di verde e azzurro, uno scherzo pericoloso

Due micini di poche settimane colorati di verde e di azzurro, con pennarelli indelebili. Forse sono stati vittime di uno scherzo, piuttosto crudele, di qualche ragazzino annoiato. I due gatti sono stati ritrovati a Bradford in Inghilterra, abbandonati a loro stessi in queste condizioni. Tra l’altro, elemento da non sottovalutare, l’estrema pericolosità che questo scherzo avrebbe potuto avere sulla loro salute.

Gattini colorati

King, il cane insicuro che nessuno vuole (Video)

Adottare un cane dal canile non è un gioco. E’ un impegno serio, che dura per tutta la vita del pet che entra a far parte della famiglia. oggi vi raccontiamo la storia del cane King, che è stato adottato per due volte, e per due volte è stato riportato indietro. La sua unica colpa? Aver voglia di giocare, come qualunque altro amico a quattro zampe.

450 code e un solo uomo nel paradiso dei cani

C’è un posto unico sulla terra, un vero e proprio paradiso dei cani in cui vivono, giocano e corrono liberamente 450 esemplari di ogni tipo, tutti accomunati dal fatto d’essere ex randagi. Non è un centro di soccorso ordinario, ma un incredibile rifugio, non solo per numero di ospiti, ma anche per qualità della vita, e si trova nella città serba di Nis. Tutto merito di un solo uomo, Sasa Pesic. Sasa non poteva sopportare di vedere cani abusati, maltrattati, quindi abbandonati, denutriti e sbandati che avevano come unica alternativa alla vita di strada, la morte per mano di accalappiacani: un grave problema in Serbia. Così ha cominciato a prenderli e a curarli finché le presenze a quattro zampe sono diventate 450!

450 code un solo uomo paradiso cani

Jewel la capra e Mirka il cane, amici di zampa (Foto)

Jewel è una capra nera, dolcissima, che è stata abbandonata al freddo quando aveva pochi giorni di vita: ritrovato da un gruppo di volontari, tremante dal freddo (in Bulgaria dove è stato trovato le temperature in inverno sono molto rigide), la capra non mangiava da quasi un giorno intero ed era allo stremo delle forze. Per fortuna che i volontari dell’associazione Il santuario degli amici a quattro zampe si sono presi cura di lui, fornendogli latte, calore e amore! Ecco la storia a lieto fine di Jewel e dei suoi amici animali.

capretta

Rifugio per mici “Gattolandia” a Monza

Apre rifugio mici Gattolandia Monza

Alla periferia di Monza ha aperto i battenti Gattolandia, un’isola felice per i mici, fiabesca di nome e di fatto, con tanto di casette in legno e spazio all’aperto recintato, tazze colorate e tanti giocattoli. Il merito è di un quartetto di appassionate gattare: Olga, Marzia, Eliana e Laura, che hanno costruito questo piccolo paradiso per i felini con l’aiuto di volontari e sponsor.

Gatto: meglio sceglierlo al rifugio?

Non importa dove viene trovato o scelto un amico a quattro zampe, purchè quel momento sia il primo di una lunga vita felice per un animale che magari ha sofferto ed ha bisogno di molto amore. Tutto è in mano al padrone che deve sapergli dare affetto senza diventare soffocante, curarlo ma non in modo maniacale e cercare di capire in anticipo i suoi bisogni senza ossessiornarsi per ogni più piccolo atteggiamento. In linea di massima, però, un rifugio è un ottimo luogo se avete deciso di allevare un micio tra le quattro pareti domestiche.

Adottare un animale

Adottare un animale è una scelta lodevole ma deve essere ben ponderata e soltanto chi ha le possibilità economiche, il tempo necessario da dedicare e, soprattutto, la voglia di allevare in casa una creatura che comunque richiede cure e affetto, dovrebbe farlo. Prendere un cucciolo abbandonagto da un ricovero, un rifugio, da un altra persona o, addirittura, dalla strada, in ogni caso, salva tanti esemplari da possibile morte e porta gioia a tutto il nucleo familiare. Quelli che arrivano da case accoglienti, magari all’inizio potranno rimpiangere le vecchie abitudini e di questo bisogna tenere conto. Se, invece, il pet è stato trattato male, o ignorato, potrebbe diventare timido, pauroso o scostante.

Gatti in appartamento, di cosa hanno bisogno per essere felici

I gatti vengono tenuti in casa per una serie di ragioni, relative principalmente alla loro salute e sicurezza. I motivi più comuni includono minimizzare la loro esposizione ai pericoli esterni, a traumi, tossine ed infezioni mortali. I gatti che sono allevati esclusivamente in casa vivono in media almeno il doppio degli anni dei gatti liberi.

Anche se l’ambiente interno può essere più sicuro, purtroppo non è altrettanto stimolante. E’ dunque importante creare un clima il più possibile ricco di stimoli che simuli, in qualche modo, la vita interessante che si svolge al di fuori delle mura domestiche.

Ecco alcune raccomandazioni degli esperti per rendere felice il più possibile il micio di casa. Una mini-guida essenziale per ogni proprietario attento alle esigenze, al benessere e alla salute psichica del proprio gatto. Vediamole insieme dopo il salto.