Galateo a tavola per cani e gatti

La gestione del tempo a tavola, quando si possiedono cani e gatti è sempre qualcosa capace di mettere a dura prova i padroni che, spesso e volentieri si trovano a dover combattere con fido e micio per tenerli lontani dal cibo . Come evitare che i nostri animali domestici approfittino della nostra bontà e mettano le zampe sul tavolo?

gatti e cani galateo

Perché il cane ringhia?

perché cane ringhia

Perché il cane ringhia? Di certo non per divertimento: è un modo per difendersi, per avvisare un ipotetico nemico che è pronto a tutelare la sua posizione sociale o un oggetto. Un cane ringhia cioè quando si sente minacciato da qualcosa o qualcuno: è uno dei tanti modi che ha per comunicare con l’essere umano. Ma che fare? Un cane che ringhia non è necessariamente un animale aggressivo, ma potrebbe diventarlo, del resto sta avvisando che non gradisce interferenze, quindi è opportuno agire nel modo adeguato.

Le piante ed i veleni naturali, il Centro antiveleni di Milano lancia l’allarme

Gatto piantaLa natura ha pensato proprio a tutto, ci sono delle erbe curative che si trovano in natura ed altre che sono terribilmente dannose, a volte mortali, per i nostri amici quattro zampe. Dal Centro antiveleni di Milano arriva un serio allarme, ricevendo da tutto lo stivale “all’incirca un migliaio di richieste di consulenza telefonica” per sospetta intossicazione da veleni “verdi”, le piante velenose.

Attenti che i vostri cani vi osservano… e vi giudicano!

Cane osserva

In questo momento sto facendo uno scontro di sguardi alla “Per un Pugno di Dollari” con il piccolino, non sono l’unico a farmi delle domande però, infatti non è soltanto l’uomo ad osservare: anche cani osservano. Fin qui ci arriviamo tutti, sappiamo che quando ruotano il muso cercano di percepire meglio i suoni e di conseguenza afferrare ciò che accade, a fare chiarezza questa volta ci ha pensato uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Milano.

Connie la tata a quattro zampe

Connie

Quello che può fare un cane per il proprio amico bipede non ha eguali, provate a chiedere a Hazel Carter, una signora inglese invalida colpita da una grave artrite, cosa fa per lei Connie e ne rimarrete stupiti.

La donna non potendo più muoversi è impossibilitata a svolgere le mansioni domestiche, viene aiutata dalla cagnolona nera in foto, Connie, che ha imparato a caricare la lavatrice e fare la spesa, innaffia le piante in giardino e mette in ordine la casa.

Genova: corsi gratuiti per educare i nostri amici a quattro zampe

Educazione

Da sabato 16 aprile e per tutti quelli successivi, la sezione di Genova della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, diretta da Pierluigi Castelli, organizza i Corsi di Puppy Parties e di Puppy Classes per imparare il comportamento dei cani. L’appuntamento è alle 10.00 a Genova San Fruttuoso (piazza Manzoni 8). L’ingresso è libero.

I cani da cadavere

Cani da cadaverePochi giorni fa vi narravamo dell’uso dei così detti “cani da cadavere” per le ricerche delle gemelline Schepp, ma in cosa consistono questi fantomatici cani da cadavere?

Il nome non è dei più allegri però fa capire immediatamente il loro lavoro, vengono adoperati nell’investigazione e il loro compito è la localizzazione dei resti di una persona scomparsa.

Nonostante lunghe ricerche nel campo tecnologico non si riesce a trovare un degno sostituto del cane che viene impiegato dal 1974 in queste operazioni. In questa data infatti fu addestrato il primo cane adoperato per la ricerca di cadaveri da parte del dipartimento di polizia di New York, dopo aver accertato che il cane poteva essere un ottimo strumento anche l’F.B.I. ha iniziato ad addestrane i cani per questo tipo di lavoro, compresi alcuni volontari della National Search and Rescue Association.

Notti agitate per colpa del cucciolo? Ecco la soluzione

Cucciolo

I lettori che sono anche genitori capiranno cosa significa passare la notte insonne per il cucciolo bipede di casa, l’arrivo a casa di un cucciolo quadrupede può comportare una serie di complicazioni che bisogna conoscere prima dell’adozione.

I cani? Ottimisti e pessimisti proprio come noi umani!

La notizia è apparsa proprio oggi sulle pagine de La Repubblica: una ricerca della Bristol University, pubblicata su Current Biology, rivela che anche i cani si dividono, come gli umani, in ottimisti e pessimisti. Alcuni vedono la ciotola del cibo mezza piena mentre altri la vedono mezza vuota. Proprio come facciamo noi con il proverbiale bicchiere. Uno degli esperimenti condotti dai ricercatori inglesi si svolgeva così: un gruppo di cani viene abituato a sapere che una ciotola posata in una parte della casa contiene cibo, in un’altra parte della casa, non ne contiene.

Quando la ciotola viene posata in una posizione “ambigua”, a metà strada fra le altre due, i cani che corrono lo stesso a vedere se contiene cibo vengono considerati ottimisti, mentre quelli che la ignorano sono i pessimisti. Lo studio rivela anche che quelli classificati come pessimisti hanno i comportamenti più indesiderabili: mordicchiano l’arredamento, abbaiano a lungo se il padrone li lascia soli in casa, manifestano aggressività; mentre quelli classificati ottimisti si comportano molto meglio. Il professor Mike Mendl, che ha guidato la ricerca a tal proposito dice:

Sapevamo che lo stato emozionale delle persone ne condiziona il giudizio, per cui le persone felici, positive, ottimiste, tendono a vedere una situazione incerta con occhi più positivi, e viceversa. Il nostro studio dimostra che questo si può applicare anche ai cani.