Cani, un sindaco gli vieta di fare la pipì

Dura la vita per i cani che abitino o soggiornino quest’estate nella bella località turistica di Torri del Benaco in provincia di Verona, sul lago di Garda: il sindaco gli vieta di fare la pipì. O meglio, se proprio ai quattro zampe scappi di farla e non riescano a trattenerla, i proprietari devono provvedere immediatamente ad asportarla come le deiezioni e a lavare l’area interessata. Il divieto è espressamente indicato su cartelli comunali affissi sul lungolago ed è in vigore da qualche giorno.

 

cane cammina

 

Cane senza guinzaglio e deiezioni non raccolte, cosa fare?

Richiesta di consulto legale: Premetto che amo molto gli animali  infatti possiedo una micia e due cagnolini di taglia toy. Abito in una casa che può essere considerata come appartamento a schiera, vi è un cortile privato che va mantenuto a spese dei residenti. Esattamente di fronte al mio appartamento c’è un bar, nel quale la proprietaria tiene la sua cagnolina di taglia media (circa 15 kg) che puntualmente viene a fare i bisogni nel cortile di casa mia, danneggia i fiori, ed è sempre priva di guinzaglio. Oramai sia io che i miei vicini di casa siamo disperati, abbiano dovuto recitare le aiuole a spese nostre, dobbiamo fare gli slalom per evitare gli escrementi.  Cosa mi consiglia di fare per questo cane senza guinzaglio?

Dog pooping

Cani senza guinzaglio e deiezioni non raccolte, cosa fare?

Richiesta di consulto legale: Una persona che non abita nel mio condominio, che regolarmente porta a spasso i suoi due cani di piccola taglia, senza guinzaglio. Ho trovato varie volte deiezioni di cane nel giardinetto del condominio dove abito, e più volte sono stati visti proprio i suoi cani in zona. Stamattina stessa scena: la signora prosegue e i cani, che si sono fermati ad annusare i sacchi dell’immondizia, aprono col muso in cancello solo accostato e defecano nell’erba, senza che nessuno ovviamente raccolga. Ho fatto notare ciò alla signora che però mi ha risposto in malo modo. Per legge i cani vanno tenuti al guinzaglio, no?

Cani senza guinzaglio

Cane, pipì sul suolo pubblico, rischio multa?

Richiesta di consulto legale

Salve, stamattina sono stata aggredita verbalmente, da un tizio perché il mio pelosetto, stava mangiando dell’erba vicino ad un cancello di un abitazione disabitata, adiacente casa di questo individuo. Il mio cagnolino non stava facendo pipi, solo mangiando l’erba. Il mio quesito è questo: la pipi del cane è punibile con multa se fatta sul suolo pubblico?

pipì

Cane, infezione delle ghiandole perianali

 ghiandole perianali

Se il vostro amico a quattro zampe spesso si struscia sul pavimento sui tappeti, sfregando la zona posteriore del corpo vicino all’ano, non si vuole grattare o pulire ma può essere che abbia un’infezione delle ghiandole perianali. Si tratta di una zona delicata proprio per la presenza di moltissime ghiandole, e di queste sacche anali che contengono ormoni specifici che vengono emessi ogni volta in cui Fido fa i suoi bisognini.

Riciclare cacca di cane

cacca di cane

Riciclare la cacca di cane pare che sia possibile, grazie ad una idea geniale che è stata sviluppata nello stato del Massachusetts, negli Stati Uniti. Quì infatti un parco per cani ora è completamente illuminato da un sistema eco friendly, che permette l’uso di energia grazie al metano prodotto proprio dalle deiezioni di Fido! Il metano viene infatti prodotto dal riciclaggio e dalla trasformazione della cacca del cane, che dopo essere stata raccolta con sacchetti organici e gettata in un cassone apposito, diventa energia con la quale fornire illuminazione al parco: ed in un’area di sgambamento di popò canina ce n’è in abbondanza!

Deiezioni canine: il Comune di Milano dice no

Deiezioni canine

Le deiezioni canine non sono mai gradevoli, soprattutto quando si calpestano per la strada: raccoglierle con l’apposito sacchetto è un segno di civiltà, oltre che di educazione e rispetto per gli altri. Il Comune di Milano, proprio per sensibilizzare i cittadini verso questa problematica, ha indetto una simpatica iniziativa denominata Non porta fortuna, porta malattie, porta il sacchetto: uno slogan piuttosto chiaro e deciso, rivolto a tutti i possessori di amici a quattro zampe. L’obiettivo è rendere le aree di sgambamento per cani del comune lombardo più pulite e sicure: sono ancora troppi purtroppo i proprietari di cani che si scordano di raccogliere i bisognini del proprio pelosino, anche dentro le aree verdi, attrezzate. Chiara Bisconti, assessora al Verde con delega alle Politiche animali commenta così la campagna:

Pipì di cane sul marciapiede: cosa dice le legge?

cane che fa la pipì in strada legge

Oggi prendiamo spunto dalla richiesta fatta da un nostro caro lettore, per affrontare una tematica delicata: la pipì di cane sul marciapiede è vietata? Un pubblico ufficiale può multarmi se mentre porto a passeggio il mio amico a quattro zampe, questo alza la zampa e fa pipì? In realtà occorre verificare i regolamenti comunali di igiene urbana, che vengono emessi per l’appunto dai singoli comuni e che si occupano della regolamentazione della materia. Ad esempio il nuovo regolamento per la pulizia del territorio di Trieste prevede, per i padroni di Fido, multe da 50 a 300 euro se il cane viene sorpreso a urinare sulle ruote delle auto.

Come abituare il cane a fare i bisogni fuori

Come abituare cane fare bisogni fuori

Quando il cane è ancora un cucciolo è facile che non riesca a controllare lo stimolo di evacuare, ma questo non ci autorizza a rimproverarlo o a strofinargli il muso sulle feci o sull’urina. Questo, è senza dubbio il metodo peggiore per insegnarli a fare i suoi bisogni fuori casa, anzi, c’è il rischio che si spaventi e la paura, che che se ne dica, non è di certo amica dell’apprendimento.

A Torino regole ferree per chi porta a spasso il cane

regole padroni di cani Torino

Vita difficile per chi porta a spasso fido per le via della città di Torino: guinzagli, divieti, museruole e qualche vigile un po’ troppo rigido. Come nel caso della minaccia di multa per un padrone che non aveva raccolto la pipì del suo cane

Cani, ad Olgiate Olona Beniamino promuove campagna raccolta deiezioni canine

Il Comune di Olgiate Olona, da sempre attento al benessere dei cani, poco tempo fa istituì l’Ufficio Tutela Animali e promosse la campagna di microchip a prezzi ridotti, circa 20 euro, rilancia promuovendo un’ulteriore iniziativa di sensibilizzazione, stavolta intesa a soddisfare sia le esigenze dei proprietari di cani, sia la necessità di decoro urbano.

Il testimonial scelto dal Comune è Beniamino, protagonista di una colorata e vivace vignetta. Il cane-fumetto invita il suo padrone a raccogliere le deiezioni sull’onda dello slogan: “Fai la cosa giusta, io non posso farlo, raccoglila tu“.

Secondo quanto affermato da Alfonso Castellone, comandante della Polizia Locale, amare gli animali deve includere anche il concetto di rispetto dell’ambiente oltre che di senso civico. Bisogna avere riguardo per gli spazi comuni, fermo restando il diritto dei proprietari di cani a spazi verdi non troppo ristretti per passeggiare e trascorrere del tempo con l’animale.