Spazzolare il cane correttamente: consigli utili

di Giulia 1

spazzolare il cane

Tutti coloro che possiedono un cane sanno quanto pelo possa perdere, soprattutto durante i cambi di stagione, e quanto sia importante spazzolarlo correttamente ed in maniera costante. Tutti cani hanno bisogno di essere spazzolati, che siano a pelo corto, lungo, mosso oppure liscio, con pelliccia dura oppure morbida: a seconda delle caratteristiche del pelo, occorre utilizzare gli strumenti giusti per non fare male al proprio amico a quattro zampe. Una regola generale: occorre spazzolare il cane più frequentemente durante il periodo della muta, anche per aiutare il pet nel cambio del pelo.

Insegnate al vostro amico peloso a prendere confidenza con la spazzola fin da cucciolo, per evitare che possa poi sviluppare timore: potrete iniziare usando la spazzola come un gioco,  facendogliela annusare e toccare, per prendere familiarità. Veniamo ora ai benefici della spazzolatura: per prima cosa si elimina la polvere e tutti la sporcizia che si può depositare sul manto del nostro amico. Poi riattiva la circolazione cutanea, e di conseguenza anche la sua corretta ossigenazione: infine con una spazzolata regolare il pelo sarà più lucido e morbido, tutto da accarezzare!

Il momento ideale per spazzolare il pet è senza dubbio prima di fare il bagno (per l’eliminazione del pelo in eccesso e per sciogliere eventuali nodi), oppure prima della pappa o di giocare, in modo tale che se è stato bravo e fermo, troverà una bella ricompensa ad attenderlo. Per quel che riguarda la modalità, per prima cosa scegliete un pettine in ferro con punte arrotondate, a denti larghi per dare una prima passata e sciogliere i nodi principali, per poi passare ad una spazzola vera e propria, più morbida, con cui togliere il pelo in eccesso e lucidare la pelliccia. Pettinate il vostro pet partendo dalla testa, seguendo la linea del corpo e fino alle zampe ed alla coda, da non trascurare.  Non grattate il manto fino alla pelle, per evitare di fare male a Fido scorticandolo.

Foto credits: Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>