A-mici per la pelle, come risolvere i problemi di convivenza tra gatti

di Paola P. 1

gatti amiciAvere sei gatti che scorrazzano liberi in campagna con i loro spazi è diverso dal farne convivere due in appartamento, tra quattro mura. E’ più semplice, ovviamente. Qualora si detestino, e spesso capita, possono facilmente ignorarsi a vicenda, stringendo alleanze e amicizie a gruppi di due e stando alla larga dagli altri. Adoro i gatti proprio perché, a differenza di quello che spesso si dice a torto sul loro conto, non conoscono l’ipocrisia e l’amicizia affettata al primo impatto tipica degli umani. Hanno le loro antipatie e simpatie manifeste e riescono a cambiare idea con il tempo, diventando amici malgrado la diffidenza iniziale.

L’errore che spesso commettiamo, e nel quale sono caduta anch’io, è credere che situazioni idilliache come quelle della convivenza tra più gatti in spazi aperti possano ricrearsi anche in appartamento. Così credevo di fare la felicità della mia gattina di due mesi, quando due anni fa le presi un compagno per giocare e non sentirsi sola. Rimasi di stucco quando iniziò a ringhiare, ad aggredirlo brutalmente e ad interessarsi a giocattoli che fino al giorno primo snobbava non appena la new entry li sfiorava soltanto. Oggi sono amici per la pelle, inseparabili e quasi non riesco a credere che si siano odiati così tanto. E forse è stata anche colpa mia. Le relazioni tra gatti, infatti, non seguono lo stesso percorso di quelle tra umani: quando un ospite si presenta a casa nostra, gli diamo il benvenuto e non ci sentiamo minacciati dalla sua presenza né tanto meno siamo gelosi se beve da un nostro bicchiere.
I gatti, invece, sono piuttosto territoriali e se qualcuno della stessa specie varca il confine ci mettono un po’ prima di rilassarsi. Ecco perché, piuttosto che agire come ho fatto io, mettendoli l’uno di fronte all’altra e aspettandomi già un abbraccio, è importante introdurre gradualmente un nuovo gatto.

Gli esperti consigliano, per evitare scaramucce e tafferugli, di sistemarli in due stanze diverse, fornendogli ciotole separate per acqua e cibo, una lettiera ciascuno, giochi separati e anche una cesta diversa, nuova di zecca per il nuovo arrivato.
Gradualmente scambiategli i giocattoli o la coperta in modo che avvertano e imparino a riconoscere i loro rispettivi odori e a sentirli come familiari.
Iniziate a farli incontrare in una stanza, o un corridoio neutro, lasciando aperte le porte dei loro rispettivi rifugi in caso vogliano ritirarsi per deliberare su che atteggiamento adottare.
Evitate di coccolare soltanto il nuovo arrivato e garantite sempre ad entrambi lo spazio vitale, quel cantuccio della casa dove possano ritirarsi e dormire sonni tranquilli e avere un po’ di privacy. Due gatti significa due di questi spazi vitali. Evitate dunque di sovraffollare l’appartamento con tanti gatti, so che la tentazione di adottarli tutti è irresistibile, ma un gatto che sta stretto non è un gatto felice e soffre di stress, arrivando a marcare il territorio e a sviluppare aggressività e insofferenza.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>