Prestazioni veterinarie gratuite a Roma, come richiederle

di Fabiana Commenta

Al via a Roma al nuovo servizio di erogazione di prestazioni sanitarie di base che verranno fornite a privati cittadini e ad associazioni, ma solo fino ad esaurimento dei fondi disponibili. Un progetto che nasce per contrastare “il randagismo di ritorno” che viene favorito dall’attuale crisi economica.

spese veterinarie , mutua cani e gatti, assicurazione, mutua cani e gatti, cani e gatti

L’iniziativa del Comune di Roma è rivolta ai gatti delle Colonie Feline riconosciute dalle Asl, agli animali delle strutture private convenzionate con Roma Capitale (qui nel dettaglio le informazioni), agli animali d’affezione accuditi da enti e associazioni per la tutela animale.

Tutte le prestazioni verranno erogate in regime di “tariffa certificata”: naturalmente per poter accedere al servizio è indispensabile l’iscrizione presso l’Anagrafe degli Animali d’affezione. 

Nel caso in cui l’animale ne sia sprovvisto, si provvederà alla registrazione al momento stesso della sterilizzazione. 

Il servizio è riservato ai privati cittadini che siano residenti nella città di Roma e che dovranno essere in possesso di determinati requisiti. 

Il servizio è rivolto a: 

  • famiglie con reddito certificato con modulo fiscale ISEE non superiore a 25.000 Euro;
  • titolari di pensione sociale;
  • cittadini non vedenti con cane conduttore;
  • famiglie con un componente disabile ai sensi dell’art. 3 comma 3 legge 104/1992 o con invalidità superiore al 66%
  • associazioni animaliste di volontariato regolarmente iscritte all’albo regionale del volontariato della Regione Lazio;
  • associazioni di Protezione Civile regolarmente iscritte all’albo regionale del volontariato della Regione Lazio;
  • enti e associazioni Onlus di promozione sociale per la tutela degli animali

Come indicare il sito del Comune. 

Ecco invece i servizi che possono essere erogati: 

  • Applicazione di microchip e iscrizione nell’Anagrafe degli Animali d’Affezione;
  • Sterilizzazione cane maschio;
  • Sterilizzazione gatto maschio;
  • Sterilizzazione cane femmina;
  • Sterilizzazione gatto femmina;
  • Profilassi vaccinale;
  • Analisi ematochimiche (parametri epato-renali e screening prechirurgici) con 6-8 parametri previsti;
  • Test F.I.V. e Fe.L.V.;
  • Degenza post-operatoria.

La richiesta deve essere presentata compilando l’apposito modulo e potrà essere inviata: 

  • tramite P.E.C. all’indirizzo [email protected]
  • tramite Raccomandata con ricevuta di ritorno
  • consegnata a mano presso l’Ufficio Protocollo del Dipartimento Tutela Ambientale sito in Circonvallazione Ostiense n. 191 – negli orari che vanno dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.00

I cittadini privati dovranno anche allegare alla domanda: 

  • La copia del documento di identità sottoscritto
  • La copia del libretto sanitario dell’animale (se ne è già provvisto)
  • La copia certificazione ISEE, in corso di validità, non superiore a 25.000 Euro
  • l’indirizzo di residenza, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica

Le associazioni sono invece tenute a inviare: 

copia del documento di identità del legale rappresentante

statuto dell’associazione

generalità del/i referente/i che accompagneranno l’animale

indirizzo della sede, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica. 

Spetterà all’ufficio competente inoltrare al richiedente l’autorizzazione scritta alla prestazione sanitaria indicando anche il medico veterinario dove sarà possibile essere effettuare l’intervento 

SPESE VETERINARIE, COME PORTARLE IN DETRAZIONE

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>