Pet sharing scambio di ospitalità per animali

di Redazione Commenta

Pet sharing

Oramai va piuttosto di moda scambiarsi le case per trascorrere le vacanze: si tratta di un modo per spendere poco e per conoscere gente nuova. Da questa esperienza oggi nasce anche il Pet sharing ovvero lo scambio di ospitalità per animali domestici! Si tratta di una vera e propria comunità online dove si favorisce l’incontro tra chi cerca persone affidabili cui affidare i propri pet e chi desidera stare in compagnia degli amici a quattro zampe: il tutto senza esclusione di nessuna specie, purchè ovviamente si tratta di animali domestici regolarmente detenuti. Il servizio funziona in maniera piuttosto semplice: occorrerà iscriversi alla community dedicata al costo di 2,50 euro al mese (trenta eruo all’anno), a fronte di un servizio di ospitalità gratuito ogni volta che sarà necessario.

Se ad esempio dovrete recarvi in viaggio per lavoro o in vacanza e non volete lasciare il vostro pet in una pensione per animali domestici, ecco che Pet sharing fa al caso vostro: verrà trovata una persona che si occuperà dei vostri animali fino al vostro ritorno. Ma non solo: compreso nella tariffa forfettaria si ha diritto a una serie di vantaggi e iniziative come sconti riservati presso alcune attività commerciali di settore, e ancora sono previsti anche sconti presso cliniche veterinarie convenzionate, e molto altro ancora. Dal canto suo chi decide di iscriversi offre la propria disponibilità ad accettare il principio di condivisione, che consiste nell’offrire una sistemazione per gli animali domestici che sia ovviamente consona e rispetti i parametri di dignità e pulizia.

Chiunque sia iscritto e necessiti di aiuto, dovrà soltanto cercare qualcuno nelle vicinanze che risponda all’appello online: quando l’incontro tra domanda ed offerta sarà esaurito, il proprietario dell’animale dovrà portarlo con il cibo sufficiente per tutto il periodo di permanenza nella nuova casa, insieme a tutti quegli accessori necessari al mantenimento della sua quotidianità. Viene consigliato di portare anche un oggetto che abbia l’odore del proprietario, per non fare sentire troppo la nostalgia di casa o la depressione.

Fonte: Pet Sharing

Foto credits: Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>