Oltre 2 mila cani di strada salvati dal macello in Cina

di Redazione Commenta

Da tre anni dedica la sua vita interamente ai cani di strada: ne ha salvati più di 2 mila da una fine atroce. Erano destinati al macello e a diventare carne da portare in tavola. Una bella storia di totale abnegazione umana per animali in gravi difficoltà, arriva per una volta dalla Cina da dove, in genere, al contrario trapelano notizie sconvolgenti su maltrattamenti e violenze sui cani e su squadroni della morte pronti a ucciderli. Protagonista di questa vicenda è Wang Yang, a questo punto ex miliardario cinese visto che ha speso il suo patrimonio per la causa.

 

2 mila cano di strada salvati Cina

Tutto è cominciato nel 2012 quando a Wang Yang è scomparso il cane. Allora si è messo a cercarlo ovunque. Gli è stato consentito persino di entrare in un macello e tentare la fortuna, ma è stato tutto inutile. Per una settimana Wang ci è andato, non ha mai più trovato il suo cane, però ha potuto vedere scene di massacri di cani e sangue che hanno sconvolto la sua mente. Da quel momento, lui che era un imprenditore delle industrie siderurgiche  e che in 14 anni d’attività aveva costruito un impero dell’acciaio, ha cambiato vita per dedicarsi interamente a salvare cani.

Nella città di Changchun, nella provincia Jinlin, nord-est della Cina, ha comprato una fabbrica di acciaio dismessa e ha realizzato un centro di soccorso degli animali,  ha speso milioni per salvare oltre 2.000 cani randagi dal macello, per il cibo, le cure mediche, la cura. Sin dall’apertura del rifugio, Wang ha perso molto della sua fortuna, e ora rischia di indebitarsi, ma non ha mai voluto soldi da chi voglia adottare cani, solo donazioni di cibo e medicinali. Attualmente sono poco più di 200 i cani di diverse razze che vivono al centro, ma ce ne sono stati anche più di 1000 insieme. La maggior parte dei cani sono stati adottati da famiglie amorevoli.

La Cina è nota per macellare i cani per la carne, e i randagi sono il primo obiettivo con il pretesto che siano un problema nelle città più piccole. Ben 10.000 cani – compresi i cani rubati – vengono macellati ogni anno per il mercato nella regione autonoma in gran parte rurale e povera del Guangxi Zhuang, in occasione del Yulin Dog Meat Festival.

 

Fonte dailymail.co.uk

Photo credits Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>