No ai botti: l’appello dei Pet italiani (Foto)

di Redazione 1

Una campagna per dire chiaramente No ai botti ma si ai biscotti!

Come ogni anno con l’arrivo del Capodanno, iniziano anche le preoccupazioni per gli scoppi di petardi, artifici pirotecnici e botti di ogni tipologia. Si tratta di una vera e propria mania che causa tantissimi danni sia alle persone, spesso ferite, che agli animali. Ecco quindi che per questo 2015 è partita la campagna No ai botti, si ai biscotti.

No ai botti

1) Un aiuto dai sindaci

La campagna, che ha anche una pagina Facebook dedicata, è sostenuta dalle associazioni animaliste Lav, Enpa e Lipu, che hanno chiesto anche ai sindaci dei comuni italiani, di vietare l’uso di botti e petardi con apposite ordinanze, per tutelare tutti gli animali domestici e non.

No ai botti

2) Tantissimi pet morti

Ogni anno la sera del veglione di capodanno molti animali per paura dei botti scappano o muoiono di crepacuore, si parla di 5000 animali che muoiono ogni anno. Davvero troppi.

due cani

3) No ai botti..

Un altro testimonial di questa fantastica campagna online!

labrador natalizio

foto credit Facebook

4) .. ma si ai biscotti!

E questi due amici a quattro zampe? Bellissimi!

due cani cartello

Foto credit Facebook

5) E i bassotti?

La foto più simpatica pescata in rete è quella del cane che si sbaglia e mette il cartello No ai bassotti. Che giustamente di fianco a lui protesta..

No ai botti

Foto credit Facebook

6) Siamo stanchi di ripeterlo

Due cagnoloni esausti di ripetere No ai botti! Avete capito il concetto?

cani stesi

Foto credit Facebook

Foto credit Facebook

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>