Lavatrice per cani

di Redazione 1

5413_a11068

Una simile notizia non poteva che provenire dal Giappone, paese sempre alla ricerca di stranezze sia per gli umani che per gli animali. L’ultima novità consiste in una specie di lavatrice creata apposta per i cani, per poterli lavare e strigliare senza sporcare il bagno di casa ma inserendo comodamente l’animale all’interno di una cestello del tutto simile a quello di una normale lavatrice.

Il prezzo per una pulizia completa del cani è di circa 10 dollari, e comprende una lavata di shampoo o di altra lozione per rendere il pelo morbido, phon e piega: l’addetta alla pulizia dell’animale non deve fare altro che far entrare il povero animale nella macchina e selezionare il programma desiderato. Dopo un’attesa di circa 30 minuti il cane potrà uscire dalla lavatrice, lavato, profumato e pettinato, pronto per essere riconsegnato al proprietario.

L’invenzione è stata presentata al Dog World, un supermercato per animali di Tokyo che per ora ha l’esclusiva della lavatrice per cani: gli stessi proprietari del negozio poi assicurano che il sistema è sicuro e non crea problemi al cane. Lo shampoo non irrita gli occhi, l’acqua ha una temperatura di 35 gradi, l’asciugatura è leggera e la lavatrice contiene al suo interno una percentuale di ozono che garantisce per il pelo dell’animale un ammorbidente naturale.

Analizzando il display della macchina lavatrice per animali si legge che è anche possibile scegliere un programma speciale per i gatti. L’invenzione era stata presentata nel 2005 allo Zoomarket, la fiera di accessori per animali da compagnia di Bologna, dagli Spagnoli del Netwash Group, già a suo tempo commercializzata negli Stati Uniti.

A suo tempo durante le presentazioni e dimostrazioni della macchina, scoppiò un putiferio tale da bloccare la dimostrazione della lavatrice per cani fino alla fine della fiera: secondo la consulenza affidata dal Procuratore aggiunto Luigi Persico al preside di veterinaria dell’Università di Bologna Stefano Cinotti, la lavatrice per cani e gatti con sistema di asciugatura incorporata sarebbe nociva e dolorosa per i nostri amici a quattro zampe.

Sperando che il buon senso prevalga sulla moda del momento e che nel nostro paese non venga pubblicizzata e commercializzata una simile macchina di tortura, siamo vicini con il cuore alle povere cavie costrette dall’assurdità umana ad essere lavati dentro ad una lavatrice.

Commenta!

Commenti (1)

  1. Penso che gli animali preferiscano farsi lavare dalle persone..
    Esistono lavatrici che hanno due tubi in ingresso (al posto del solito unico) per l’acqua? In modo da poter collegare l’acqua calda normalment riscaldata a gas o dal pannello solare? dovrebbe aiutare molto a spendere meno in energia elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>