Lav esulta: sentenza storica contro sacrifici animali

di Redazione Commenta

Un momento importante per chi ama gli animali e per chi, semplicemente, li rispetta. La Lav esulta perchè è arrivata finalmente la condanna al santone sudamericano della setta Yoruba attiva nel sandanielese e nell’area udinese, Frank Alberto Rejes Hernandez , che avrebbe utilizzato durante i suoi riti pure animali. Insieme a lui operava pure Claudio Lavorato, un imprenditore veneto di 36 anni residente in Veneto.

Di fronte all’inappellabile decisione hanno patteggiato davanti al giudice del tribunale di Udine una pena a 2 mesi di reclusione, sospesa, per il reato di uccisione di animali. La polizia, anche su segnalazioni continue, ha indagato a lungo sul caso raccogliendo prove certe della colpevolezza dei due, autori di sacrifici animali alcuni dei quali veramente terribili. La tristissima storia recente di questi due personaggi riporta alla decapitazione non solo di amici a quattro zampe ma anche e soprattutto di galline, germani reali e colombi per usare il loro sangue per ”battezzare” gli adepti della religione Yoruba.

Le indagini sono partite un paio di anni fa, a seguito di ritrovamenti nelle campagne della zona tra Dignano, Majano e Ragogna, in Friuli, di alcuni resti di carcasse di animali uccisi barbaramente. Senza contare che poco distante dell’ex discarica di Dignano erano stati ritrovati anche quattro cani, tre boxer e un rottweiler, con la testa decapitata. In questo caso, però, si trattava probabilmente di altre persone. I due imputati hanno manifestato il proprio pentimento per ciò che hanno fatto e la Lav che si è costituita parte civile in udienza ha appreso con entusiasmo di quanto avvenuto. Questo crea insomma un precedente contro il maltrattamento degli animali. Con l’arrivo dell’estate anche se questo è un fatto di natura differente, un evento del genere può far ragionare chi per partire in vacanza ha intenzione di abbandonare il proprio cucciolo o chi maltratta gli animali da compagnia. Questo anche perchè è chiaro che ormai non è più così semplice passarla liscia e le pene sono diventate molto severe.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>