Gatto anziano, la ricetta con nasello e con carne macinata

di Fabiana Commenta

Nasello, riso, carne macinata e zucchine solo gli ingredienti proposti oggi per la dieta del gatto anziano: ovviamente il fabbisogno energetico, con il passare dell’età tende a diminuire ed è opportuno anche puntare su elementi specifici che possano aiutare nel modo migliore il vostro micio a trascorrere la giornata.

Il pesce rappresenta un ingrediente ottimo per garantire il giusto apporto di proteine, ma anche il giusto apporto di acidi grasso polinsaturi Omega 3 particolarmente utili per la salute di cuore e di reni. La ricetta a base carne macinata introduce il corretto quantitativo di vitamina b, ma la presenza del riso è indispensabile perché fornisce il giusto apporto di energia e potassio. 

Le zucchine sono ricche di fibre, di sali minali e di vitamine.  Una volta imparata la ricetta potrete anche optare per qualche variante: potrete ad esempio sostituire le zucchine con le carote, potrete ad esempio sostituire il nasello con il merluzzo altrettanto buono e nutriente. 

Ovviamente dovrete anche tenere conto dei consigli del vostro veterinario per una corretta alimentazione del vostro micio. 

Ingredienti 

550 grammi di merluzzo 

150 grammi di carne macinata 

100 grammi riso

10 grammi di olio di mais

Lasciate cuocere la carne in pentola aggiungendo un po’ di acqua e poi tagliatela a pezzetti diversi. Fate cuocere il pesce alla piastra da entrambi i lati: ovviamente non appena sarà cotto dovrete sbucciarlo e dovrete togliere le spine. Preparate anche le zucchine o le carote: pelatele e lessatele, ma non troppo. Se il vostro gatto le gradisce, potrete anche servirle crude in modo tale da mantenere inalterato il giusto apporto di vitamine. Preparate il riso lasciandolo cuocere in pentola per circa 15 minuti. 

Mescolate bene tutti i vostri ingredienti, poi aggiungete anche l’olio e l’integratore prescritto dal veterinario. 

Il gatto anziano deve mangiare circa 250 grammi che porzione quotidiana: potrete alternare la ricetta casalinga e servirla fino a tre volte a settimana alternando magari gli ingredienti. 

 

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>