Gatti, preferiscono l’intenzione umana al cibo

di Fabiana Commenta

Si dice che il cane sia il migliore amico dell’uomo che i gatti siano opportunisti ed arroganti legandosi solo a chi li sfama. 

Tutto falso: o quasi. A sfatare i più diffusi luoghi comuni sui gatti domestici, sempre più amati dalle persone, è uno studio americano che conferma che i gatti in realtà siano legatissimi agli umani tanto preferire proprio il rapporto umano al cibo.

gatto, gatto lecca tutto

Tutto confermato da basi scientifiche che in qualche modo riabilitano i gatti privandoli delle pessima reputazione di egoisti e opportunisti. A condurre lo studio, pubblicato sulla rivista Behavioral Processes, tre ricercatrici dell’università dell’Oregon e di Monmouth che hanno controllato il comportamento dei gatti e il loro grado di interazione con l’uomo viene preferita rispetto a cibo e giochi. 

Si è partiti di fatto sull’analisi di che cosa stimoli soprattutto l’attenzione dei gatti prendendo in considerazione due gruppi formati da 19 felini ciascuno, uno dei quali era un gruppo di gatti domestici e l’altro un gruppo di randagi ospiti. Entrambi i gruppi sono stati tenuti in isolamento per un po’ prima di essere poi sottoposti a stimoli diversi, cibo, odori, giocattoli e interazione umana. 

CANI E GATTI, LA RICETTA DEI BISCOTTI ALLA ZUCCA

Fra i tre dei quattro stimoli utilizzati nello studio, l’interazione sociale con gli esseri umani è sempre stato lo stimolo preferito seguito ovviamente dal cibo. Oltre la metà dei gatti presi in considerazione in pratica ha cercato l’interazione con l’uomo dedicandosi il 65% del tempo e senza differenze fra gatti domestici o randagi. Insomma da questo momento in poi se i falsi miti sui gatti e sul loro opportunismo vengono sfatati è anche vero che evidentemente sono gli essere umani a non sapersi relazionare con i felini.

 

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>