Fido fa i capricci in vacanza? I consigli di AIDAA

di Redazione Commenta

Fido capricci vacanza consigli AIDAA

Anche gli amici a 4 zampe fanno i capricci… soprattutto quando non dovrebbero, mettendoci a disagio in albergo, al ristorante o in spiaggia. Può capitare, infatti, che il cane viva la vacanza come un momento di stress invece che di relax, rompendo le cosiddette uova nel paniere… per questo motivo AIDAA ha stilato una serie di consigli su cosa fare se fido fa le bizze!

Se è rumoroso in camera d’albergo quando viene lasciato solo

Questo è un classico… pur essendo molti, oramai, gli alberghi pet friendly questo non significa che il cane può abbaiare o piagnucolare a tutto spiano. Prima di partire è bene affrontare questi problemi mettendo in atto una serie di piccoli trucchi, per insegnare a fido che lasciarlo solo non significa abbandonarlo. Prima della partenza è importante non uscire mai di casa di nascosto o all’improvviso. Se uscite salutatelo in maniera gioiosa ed assentatevi per periodi sempre meno brevi, al ritorno mostratevi tranquilli e provate magari a chiuderlo da solo in una stanza per 5 minuti 4 volte al giorno, non facendovi impietosire dai suoi lamenti.

Se sporca in stanza

Per evitare che il cane sporchi deliberatamente la stanza o faccia qualche danno per dispetto consultatevi con il vostro veterinario di fiducia e munitevi di collari che rilasciando ferormoni, ormoni naturali con effetto rilassante. I collarini sono in plastica e sono a lento rilascio, con una durata fino a 4 settimane.

Se fa i capricci al ristorante

In alcuni ristoranti i cani sono i benvenuti, ma questo non vuol dire che possano agitarsi vedendovi mangiare e chiedere a gran voce la loro parte… nei giorni che anticipano la partenza verificate il suo comportamento in casa. Se si comporta come sopra iniziate con ignorare le sue richieste, il premio deve essere dato in cambio di un comportamento corretto e non per abitudine.

Se in spiaggia si azzuffa con gli altri cani

In questo caso il rischio è elevato in quei cani che non sono abituati a vivere e convivere con i loro simili o che hanno particolari problemi di socializzazione canina. In presenza di questi comportamenti anche a casa è buona cosa aumentare le uscite giornaliere e aiutarlo a conoscere gli altri cani facendogli annusare altri cuccioli, per le passeggiate scegliere sempre luoghi tranquilli per poi passare nell’arco di qualche settimana ai luoghi trafficati ed affollati in modo da permettere al vostro cane di abituarsi agli altri cani ma anche agli umani.

Via| AIDAA – Associazione Italiana Difesa e Ambiente; Photo Credit| Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>