Distributore di cibo per cani randagi in Turchia

di Redazione Commenta

Distributore cibo cani randagi Turchia

La società turca Pugedon ha introdotto ad Istanbul, già da 2 anni per la verità, un distributore automatico per i cani randagi che è d’aiuto non solo agli amici a 4 zampe, ma anche all’ambiente! La macchina, infatti, rilascia acqua e cibo in cambio di bottiglie di plastica riciclate. L’idea è davvero lodevole e meriterebbe di essere copiata dovunque, ecco perché ne parliamo!

Il distributore funziona in modo davvero molto semplice. Quando qualcuno introduce una bottiglia di plastica nella parte superiore, viene rilasciato il cibo nella parte inferiore. Il bello è che il dispenser funziona senza alcun costo per i cittadini poiché le bottiglie riciclate coprono interamente il costo degli alimenti e dell’acqua. Questa semplice macchina, dunque, è una costante fonte di sostentamento per i cani randagi della zona.

La Turchia, purtroppo, è famosa per l’elevato numero di animali randagi, la sola Istanbul, pensate, conta più di 150mila cani e gatti di nessuno. Molti cittadini, purtroppo si lamentano della loro presenza temendo che siano pericolosi o fonte di malattie. Queste denunce, infatti, proprio qualche anno fa (ottobre 2011), hanno portato il governo turco ad elaborare una legge che avrebbe decretato la morte di migliaia di pelosi. Fortunatamente c’è anche tanta gente che ama gli amici a 4 zampe ed è scesa in piazza contro questo emendamento, riuscendo ad ottenere la sterilizzazione e la vaccinazione dei cani di quartiere.

I distributori automatici sono nati proprio per dare una “zampa” agli animali randagi e incoraggiare i cittadini alla sana abitudine del riciclaggio. Come diceva Mahatma Gandhi:

La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui essa tratta gli animali.

Via e Photo Credit| BigThink.com

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>