Disidratazione del cane: cause, sintomi e prevenzione

di cinzia iannaccio 2

disidratazione cane

Si avvicinano le giornate calde ed è importante ricordare come e perché bisogna prevenire la disidratazione nel cane. Bere è importante, per gli umani come per gli amici a quattro zampe: pensate che l’acqua costituisce circa l’80% del corpo di Fido ed è parte integrante dei principali processi biologici di ogni organismo, dalla circolazione del sangue alla depurazione delle scorie, passando ovviamente dalla digestione. Una carenza di liquidi può alterare tutto ciò, provocando anche gravi problemi di salute. Vediamo insieme nel dettaglio.

Disidratazione cani, le cause

Si parla di cane disidratato quando i livelli di acqua nel suo organismo sono scesi sotto i valori minimi. Questo accade quando Fido non beve abbastanza o quando ha una perdita di liquidi intensa: a causa di vomito e diarrea, o altre patologie, ma anche in caso di caldo eccessivo e/o colpo di calore.

Disidratazione del cane, la prevenzione

E’ quindi molto importante prestare attenzione ad alcune semplici regole di prevenzione:

  1. Assicurarsi che il cane beva abbastanza (leggi qui quanta acqua dovrebbe bere ogni giorno)
  2. Mettere a disposizione di Fido una o più ciotole d’acqua da mantenere sempre fresca e pulita
  3. Portarsi ciotole d’acqua per il cane anche quando si è in viaggio (in commercio ve ne sono anche di specifiche)
  4. Evitate d’estate di lasciare il cane all’aperto sotto il sole per troppe ore
  5. Se notate che non beve abbastanza o beve troppo, portatelo dal veterinario, potrebbe avere qualche malattia latente.

Sintomi della disidratazione nel cane

Chiaramente un cane disidratato dimostrerà segni di stanchezza, letargia, scarsa voglia di muoversi, fauci secche e produzione eccessiva di saliva, perdita d’appetito, pelle secca e rugosa ed occhi infossati. Nei casi estremi si arriva al collasso e se non si interviene precocemente anche alla morte: la disidratazione comporta infatti una riduzione del flusso sanguigno agli organi ed uno squilibrio elettrolitico con perdita di elementi fondamentali come calcio, magnesio, sodio e potassio.

Leggi anche:

Foto: Flickr

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>