Cane torna a camminare grazie a una stampante 3D

di Redazione 1

Il piccolo Derby può tirare un sospiro di sollievo: condannato all’eutanasia a causa  di una brutta malformazione alle zampe anteriori, che gli impediva di muoversi, ha vinto la sua battaglia contro chi non lo voleva fare vivere! I suoi proprietari non potevano più occuparsi di lui, ed avevano deciso di portarlo in un rifugio, il Peace and Paws, nel New Hampshire, che lo avrebbero custodito prima di praticargli l’eutanasia. Ma ora il pet è tornato a camminare grazie ad una stampante 3D.

stampante 3D

Ma Derby è un cane forte e non si è arreso: ci ha creduto fino alla fine, fino a quando l’incontro con una delle responsabili della 3D System, una società specializzata in protesi, gli ha cambiato la vita. La donna, Tara Anderson, ha infatti studiato delle speciali protesi che hanno permesso al cane di muoversi liberamente in maniera del tutto autonoma. E come sono nati questi prototipi? Grazie ad una stampante che stampa in tre dimensioni, che ha creato per l’appunto una specie di gomitiera che applicata alle zampe di Derby gli permettessero di muoversi senza ingombranti carrellini.

La nuova famiglia di Derby è entusiasta del nuovo strumento: il cane ha finalmente iniziato a camminare, a correre perfino, e non si è mai fermato! Il processo di stampa utilizzato ha permesso di produrre un supporto robusto, che permette sia di reggere l’impatto col terreno, ma anche elastico per non rovinar i gomiti del pelosino e non causargli dolore.

Uno strumento innovativo che ora verrà brevettato e prodotto, per aiutare tanti cani disabili o paralizzati che altrimenti non potrebbero muoversi da soli. Ecco le foto di Derby prima, con l’ingombrante carrettino, e dopo, con le protesi!

stampante 3D

stampante 3D

Fonte e foto credit

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>