Calicivirus felino: cause, sintomi, diagnosi, cura e vaccino per l’ “influenza del gatto”

di cinzia iannaccio 2

L’infezione da Calicivirus nel gatto (FCV ) è abbastanza comune, a tal punto da ritenerla in assoluto la più diffusa malattia infettiva tra i mici. La più alta incidenza però (tranquillizzatevi subito) la si ha nei gattili, nei rifugi o negli allevamenti, dove è più facile la presenza di animali non vaccinati. Sono questi infatti a trasmettere il virus ed i problemi di salute correlati. Quali? Scopriamoli insieme dopo il more.


I sintomi dell’infezione da calicivirus nel gatto

L’infezione da calicivirus felino si manifesta principalmente come la malattia respiratoria tipica del gatto: attacca infatti le alte vie respiratorie, bocca (con ulcerazioni,) naso e polmoni, ma può arrivare ad intaccare anche l’intestino e l’apparato muscolo-scheletrico. I sintomi  si presentano piuttosto improvvisamente e a seconda dell’area colpita possono essere i seguenti:

  • Perdita d’appetito (dovuta soprattutto alle ulcerazioni)
  • Occhio che “butta”
  • Naso gocciolante
  • Debolezza
  • Difficoltà respiratorie e polmonite
  • Febbre
  • Difficoltà nei movimenti ed infiammazione delle articolazioni (artrite)
  • Emorragie

Come si fa a sapere se il gatto è affetto da calici virus felino?

La diagnosi di FCV spetta ovviamente al veterinario che prima di tutto valuterà la salute del gatto con una dettagliata anamnesi e visita fisica. Potrebbero essere utili esami del sangue e delle urine, benché non fondamentali per la certezza della diagnosi.  Il test più affidabile è la ricerca degli anticorpi FCV. La diagnostica per immagini può essere utile per valutare la presenza di polmonite.

La cura del gatto affetto da calici virus

Nei casi più gravi (polmonite o emorragie) può addirittura essere necessario un ricovero ospedaliero.  Il gatto può necessitare di ossigeno e gli antibiotici servono solo per curare eventuali  infezioni batteriche spesso secondarie come nel caso degli occhi. Per il resto come sapete, l’unico modo per contrastare un virus è aspettare che passi. Dunque tanto riposo e tante coccole per il vostro micio: pulire gli occhi ed il naso onde evitare il ristagno delle secrezioni, una dieta nutriente e digeribile fatta soprattutto di cibi morbide (in caso di ulcere in bocca). La prognosi, nei casi più comuni e non gravi è di 3-4 giorni.

Il vaccino per prevenire il calicivirus felino

Il virus in questione si trasmette da animale infetto non vaccinato ad animale sano: è resistente ai più comuni disinfettanti, dunque fondamentale è la vaccinazione. E’ fortemente consigliata anche se non ha finora ridotto l’incidenza della malattia che, ricordiamo può colpire i felini di ogni età, anche se i gattini con meno di 6 settimane di vita sembrano essere più sensibili. Le linee guida europee al riguardo prevedono per i mici un primo ciclo (due somministrazioni) vaccinale entro le 12 settimane di vita e nelle situazioni a rischio (gattili) anche una terza dose a 16 settimane. I richiami, per i gatti domestici sono previsti ogni tre anni, ma bisogna mantenere sempre l’allerta perché il calicivirus tende a mutare in nuovi ceppi.

Commenta!

Commenti (2)

  1. Ho adottato due mici fratelli da Lampedusa. Entrambi hanno contratto calicivirus. Il primo è rimasto strabico agli occhi, solamente questo, mentre la sorella, ciclicamente, presdente i classici sintomi della calicivirus costituiti da ulcere in bocca anche grave rossore sulle gengive e sulle orecchie e coda. Ciclicamente le faccio iniezioni di rocefin con urbason oltre a gel gengivale. Ma riuscirà mai a guarire completamente? Gli altri gatti sono stati tutti vaccinati, lei purtroppo il veterinario me l’ha sconsigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>