Caffè Gambrinus a Napoli, multa per divieto di accesso a un cane per ciechi

di Fabiana Commenta

 Multa da 833 euro ai titolari dello storico Caffè Gambrinus di Napoli: la salata sanzione è arrivata nel pomeriggio per aver impedito l’ingresso nella sala da the di un cane, e con tanto di guinzaglio e di museruola, che accompagnava una cliente non vedente. 

Pluto

Un divieto che ha palesemente infranto la legge che regola il comportamento degli animali accompagnatori di disabili: il cane guida può entrare in qualunque esercizio aperto al pubblico (L. n. 34/1974) e viene anche escluso dai divieti relativi al non permettere l’accesso degli animali in spiaggia, inoltre è esonerato dall’obbligo di portare la museruola a meno che non sia richiesto in modo specifico. 

Il verbale della multa è stato stilato dalla Polizia Municipale, ma intanto è arrivata via Ansa la difesa della della famiglia dei gestori dello storico locale con le dichiarazioni di via ANSA di Michele Sergio, portavoce famiglia 

Sergio chiarisce che si è trattato “di uno spiacevole equivoco” dato che lo zio non è reso conto di trovarsi di fronte a una signora ipovedente. 

Non appena se ne è reso conto ha richiamato la signora che invece si è rivolta immediatamente ai vigili che hanno elevato la sanzione. 

Sergio spiega che i cani possono entrare in alcune sale e in altre no all’interno del locale giustificandosi anche in virtù del fatto che la famiglia non discrimina nessuno e  sia particolarmente attiva a iniziative contro la disabilità. 

Uno scivolone per lo storico locale napoletano che accusa il colpo e che intanto valuta il ricorso anche se Michele Sergio spiega che la famiglia è pronta a valutare il ricorso, ma anche ad “incontrare la signora magari davanti ad un bel caffè”.

Chissà se le signora accetterà. 

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>