Animali in vacanza: ancora difficile trovare l’alloggio

di Redazione 1

Le vacanze si avvicinano per tutti ormai e gli italiani aspettano le ferie con tanta trepidante emozione, ma visto che moltissime famiglie hanno un componente speciale che è un animale, per loro non sarà semplicissimo portarlo fuori dalle quattro pareti domestiche. Ecco che, infatti, molti scelgono poi di affidarli a familiari e amici o condurli in qualche pensione adatta. Trovare tutt’oggi strutture in grado di accogliere un amico a quattro zampe non è immediato ed, infatti, solo il 9 per cento delle strutture fornisce tale possibilità.

A portare avanti uno studio sull’argomento, è stato recentemente il sito CaseVacanza.it e attraverso tali dati il portale Immobiliare.it ha confermato che meno del dieci per cento degli annunci di immobili in affitto per le vacanze, lascia intendere che si può garantire l’ospitalità, ad esempio, pure ad un cane o ad un gatto.

Triste realtà che non dovrebbe nemmeno esistere, ma che comunque va cambiata urgentemente anche se non tutte le regioni si mostrano con lo stesso senso di chiusura nei confronti degli animali da compagnia. Ovviamente il discorso cambia parecchio all’estero.Sempre secondo quanto confermato da Immobiliare.it, le regioni con la più alta percentuale di annunci di case pronte ad accogliere animali sono la Valle d’Aosta, con il 19%, seguita dall’Abruzzo con il 15% e dall’Emilia Romagna con il 12%. Tanto da fare, invece, ancora in Lombardia dove solo il 3% delle case vacanza dichiara la possibile accoglienza.

Per non parlare di Marche e Sardegna ancora ferme al 4% e, quindi, assolutamente non ospitali con gli amici a quattro zampe. Se anche è possibile portarli quasi sempre si deve pagare oltre fino a 50 euro a settimana e del resto, come conferma Carlo Giordano, amministratore delegato del gruppo Immobiliare.it: “Il fatto che la casa vacanza sia “pet-friendly” è una delle prime richieste di chi visita il sito in questo periodo, anche da parte di turisti stranieri”.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>