Trovate un animale smarrito? Ecco cosa si deve fare

di Daniela 3

animali smarriti

Trovare un animale smarrito è un caso che può capitare, sia in città  che in campagna. Trovate un cane o un gatto con un’aria infelice e sconvolta, ascoltate il vostro buon cuore, e ve lo portate a casa a casa; l’animale è simpatico, dolce e affettuoso e decidete di tenerlo: attenzione, potrebbe essere un reato!

È infatti possibile che l’animale sia di proprietà  altrui, e dovrete assicurarvi, prima di tutto che sia veramente abbandonato, e non semplicemente perduto o scappato; se si tratta di un cane è facile accertarsene se porta la targhetta di identità, oppure se ha nella parte interna delle orecchie o delle cosce, un tatuaggio. Un indirizzo può essere inciso sulla medaglia o sul collare, e se c’è un tatuaggio, questo può permettervi di rintracciare il proprietario, telefonando all’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana.

Nel caso di un gatto è più difficile, perché il gatto è identificabile solo attraverso il libretto veterinario; bisognerà allora scorrere le inserzioni sui giornali, oppure guardarsi attorno sul quartiere: sui muri si trovano talvolta esposti avvisi di smarrimento. Sarebbe opportuno anche telefonare al commissariato, chiedendo di prendere nota della vostra segnalazione.

In tutti i casi una denuncia è obbligatoria, per evitare di essere accusati di furto, infatti la decisione di tenere e mantenere un animale domestico è un libero atto di volontà dell’individuo e, in quanto tale ne comprende la piena responsabilità civile, ne consegue che dovrete provvedere ai suoi bisogni materiali, garantirgli cure mediche ed educarlo affinché non rechi disturbo a cose, animali e persone.

Inoltre, nel caso decidiate di tenere un cane, dovrete provvedere al pagamento della tassa annuale, il cui importo è stabilito ogni anno dai vari Comuni, che hanno la facoltà di deliberare in merito alle norme  che i proprietari di animali domestici devono osservare. Con tale tassa si contribuisce all’esercizio dei servizi di controllo e di profilassi antibiotica.

Commenta!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>