Animali domestici, proteggono le donne dalle malattie cardiovascolari 

di Fabiana Commenta

Cani e gatti in casa sono un toccasana per la salute dei proprietari e soprattutto delle donne: a confermarlo, un recente studio condotto dalla Georgia Southern University e pubblicato su High Blood Pressure and Cardiovascular Prevention che ha analizzato i dati di 4.000 adulti over 50, senza malattie gravi, che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey spiegando se in casa avevano o meno un animale domestico. 

neuroni, cosa cani e gatti vedono e noi no

I dati della ricerca hanno confermato che chi possiede animali domestici, soprattutto donne e in particolare chi possiede gatti, sembra essere più protetto dalle malattie cardiovascolari. 

In sostanza, chi possiede un animale ha un rischio minore di morire a causa di un ictus: l’effetto positivo è dato non solo dalla personalità di chi li possiede, ma anche dalla compagnia del loro animale domestico che allevia lo stress.

I dati hanno mostrato che il 35% dei partecipanti aveva un cane o un gatto e che la metà era obeso o in sovrappeso: tutti i partecipanti sono stati seguiti per capire l’incidenza della morte e i dati hanno confermato che l’incidenza di morti per malattie cardiovascolari nei non proprietari di animali era di 11 ogni 1000 persone, mentre per chi aveva un cane o un gatto era di 7 ogni 1000.

Per l’ictus, gli uomini proprietari di animali avevano le stesse possibilità  di mortalità, mentre nelle donne la probabilità di morire risultava ridotta di circa il 40 %. 

Quindi se lo studio rappresenta un incoraggiamento a possedere animali domestici, è anche vero che non bisogna mai dimenticare che devono essere tenuti in modo del tutti responsabile. 

ANIMALI DOMESTICI, ALLUNGANO LA VITA DI DIECI ANNI

 

PHOTO CREDITA | THINKSTOCK

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>