Rimedi naturali contro le zecche nei cani

di Paola P. 1

Le zecche sono dei parassiti, precisamente artropodi, che vivono grazie al sangue dell’organismo ospite. Ad attirarle sono il calore ed il movimento e dunque potete facilmente immaginare come la massa di un grande mammifero qual è il cane risulti per loro, annidate nell’erba, una vittima decisamente molto appetibile. D’estate, poi, si trascorre molto tempo all’aria aperta, a correre in montagna e nei prati insieme al proprio cucciolo ed è più probabile incappare in questi visitatori a dir poco indesiderati.

Oltre ai tradizionali antiparassitari, spray, polveri e collari che troviamo in commercio nei negozi specializzati, in farmacia ed anche al supermercato, possiamo agire giocandoci la carta della prevenzione e dunque controllando la presenza di parassiti sul corpo del cane, specie nelle zone sensibili come le orecchie, ogni giorno con particolare e scrupolosa attenzione, rimuovendo le zecche usando guanti e pinzette specifiche e stando attenti a non venirci in contatto.

Ci sono poi dei rimedi naturali che sono efficaci, certo non come gli antiparassitari chimici ma certamente almeno sono meno tossici. Ad esempio l’aceto di mele aggiunto all’acqua del bagno del cane, focalizzandosi in particolare sulla pulizia di alcune zone più a rischio dell’animale, quelle esposte maggiormente all’attacco delle zecche ovvero il collo, le orecchie e le zampe.

Un olio essenziale molto usato come repellente di zanzare, pulci e zecche è l’olio di Neem. Lo trovare in erboristeria. Vi avviso che ha un odore a dir poco sgradevole per noi umani ma è molto efficace. Ha proprietà antisettiche ed antibatteriche e viene usato anche su ustioni, abrasioni e ferite perché ha un effetto lenitivo. Tra i vantaggi: si può applicare sul corpo del cane con una certa facilità.

Altri repellenti naturali per le zecche sono la lavanda e l’eucalipto, due oli essenziali che renderanno il cane sgradevole ai parassiti.
La lavanda, aggiunta al timo, è efficace sia contro i batteri che per stimolare il sistema immunitario dell’animale.

[Fonte: Dogticks.org]

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>