Antiparassitari: perché, quando e come usarli

di pask Commenta

I nostri amici animali ci rallegrano immensamente le giornate: la loro compagnia riempie vuoti altrimenti incolmabili e l’amore di cui sono capaci è incommensurabile. Proteggere la loro salute è un nostro dovere! Tra le problematiche più grosse che ogni proprietario deve affrontare vi è la lotta contro i parassiti: zecche, pulci, zanzare e flebotomi minacciano il benessere di cani, gatti e non solo. L’utilizzo degli antiparassitari si rende, dunque, fondamentale!

antiparassitari
antiparassitari

Antiparassitari: perché utilizzarli e quando?

Parassiti come pulci, zecche, zanzare e fibrotomi sono in grado di causare danni molto seri alla salute sia degli animali che degli uomini. È chiaro, a questo punto, che la proliferazione di questi organismi deve essere bloccata sul nascere e, ancora meglio, è indispensabile prevenire che possano attaccarsi al pelo del nostro amico a quattro zampe.

Con l’arrivo della bella stagione non è raro chiedersi come togliere una zecca al cane o come liberarsi definitivamente delle pulci o evitare le punture di zanzara. La risposta sta indubbiamente nell’utilizzo degli antiparassitari che, proprio per la loro formulazione, uccidono i parassiti ed evitano il loro attecchimento.

 

Ma quando vanno utilizzati questi prodotti? È bene sapere che, data l’importanza della prevenzione, sarebbe bene iniziare già quando i cuccioli hanno 5 settimane proseguendo, poi, per tutta la vita. Per il resto, è bene utilizzare gli antiparassitari durante tutto l’anno, anche se la stagione estiva (ed i momenti in generale più umidi) è quella a cui prestare maggiore attenzione. In particolare:

  • Per le zecche il periodo di maggior diffusione è compreso tra la primavera e l’autunno;
  • Per le pulci si consiglia un trattamento più attento durante l’estate, periodo di maggiore esposizione;
  • Le zanzare sono tra gli insetti più fastidiosi il cui trattamento antiparassitario deve effettuarsi durante tutto l’anno, con maggiore attenzione tra la primavera e l’autunno inoltrato;
  • I Flebotomi sono i parassiti responsabili della Leshmaniosi. In generale vanno trattati tutto l’anno ma soprattutto tra la primavera e l’estate quando il problema aumenta in maniera esponenziale.

Antiparassitari: l’importanza di un utilizzo corretto

Affinche gli antiparassitari espletino al meglio la propria funzione è indispensabile un corretto utilizzo. Questo dovrà tener conto principalmente della tipologia di antiparassitario scelto. Sul mercato, difatti, esistono le pipette, i collari, gli shampoo, gli spray e le polveri. Nel dettaglio:

  • Pipette (altrimenti dette spit on) sono ideali per il trattamento della pulce, della zecca e del pidocchio. Hanno una durata di quasi un mese e vanno applicati lungo il collo e la schiena del nostro amico a 4 zampe;
  • Collari, utili contro la pulce, la zecca, la zanzara e i flebotomi, hanno un’efficacia più lunga (sino a 8-10 mesi) e vanno semplicemente utilizzati come un normalissimo collare da non togliere mai;
  • Shampoo, da utilizzare inumidendo il pelo dell’animale e massaggiandone una buona quantità su tutta la pelle;
  • Spray e polvere, ideali per cucce o, in generale, per l’ambiente dove vive il cane o il gatto. Per l’applicazione diretta sull’animale, invece, occorre semplicemente inumidire il pelo e massaggiare il prodotto frizionando, dopo aver avuto la cura di indossare i guanti.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>