Mettere l’antiparassitario per pulci e zecche al cane in sicurezza

di cinzia iannaccio Commenta

Evitare un’infestazione da pulci nel tuo cane (o gatto) è fondamentale per la sua salute . Occorre però scegliere i prodotti adeguati ed utilizzarli bene. Ecco qualche consiglio.

Mettere l'antiparassitario per pulci e zecche al cane in sicurezza

La prima cosa da fare, quando si utilizzano i prodotti antiparassitari è leggere le etichette: occorre impiegare solo antiparassitari adatti ed approvati per età, peso, stato di salute del cane. Alcuni antiparassitari ad esempio non possono essere applicati nei cuccioli.

Bisogna poi attenersi ai dosaggi indicati, senza eccedere o limitarsi.

E’ inoltre consigliato prestare una particolare attenzione e chiedere consiglio al veterinario in caso di cane anziano, cucciolo, in gravidanza, in allattamento o malato. Oppure se ha avuto sensibilità in passato ad uno specifico antiparassitario.

Attenzione, non impiegare antipulci ed anti zecche per cani sui gatti: potrebbero risultare tossici, per loro ci sono in commercio specifiche formulazioni.

Di contro ai cani vanno somministrati solo antiparassitari progettati per loro. Anche se potrebbero non essere dannosi, i prodotti fatti per i gatti potrebbero non essere altrettanto efficaci sui cani.

Non utilizzare più di un antiparassitario insieme: scegli un prodotto che abbia un’efficacia repellente e che sia in grado di uccidere pulci e zecche per un determinato periodo di tempo. Oppure controllare che gli antiparassitari scelti non abbiano lo stesso principio attivo o si rischia un sovradosaggio. Nel dubbio è sempre meglio chiedere al proprio veterinario di fiducia.

Durante l’applicazione del prodotto è preferibile usare guanti monouso.

Non tenere i bambini a contatto con il cane subito dopo l’applicazione dell’antiparassitario per consentire al prodotto di assorbirsi e di non passare sulle mani del bambino.

Nelle famiglie con più animali, può essere necessario tenere separati i pet, per lo stesso motivo, per un po di tempo mentre il prodotto si asciuga per evitare che si puliscano a vicenda e ingeriscano le sostanze chimiche.

Monitorare gli effetti negativi: nelle ore successive all’applicazione, specie se si è impiegato un prodotto per la prima volta. Una sensibilità all’antiparassitario può manifestarsi con i seguenti sintomi:

  • Vomito e / o diarrea
  • Atassia
  • Bava eccessiva
  • Tremori e convulsioni
  • Inappetenza

In tali casi contattare subito il proprio veterinario di fiducia.

 

Leggi anche:

Antiparassitari zanzare cane, consiglio del veterinario

Collare antiparassitario, Seresto o Scalibor?

Antiparassitario per cani e gatti, come scegliere quello giusto

 

Foto: Thinkstock

 

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>