Cani randagi, in Grecia a rischio per la crisi

 
Tippi
23 gennaio 2012
commenti

cani randagi in Grecia Cani randagi, in Grecia a rischio per la crisi

In Grecia, a fronte dell’aumento dei cani abbandonati e della crisi economica che ha colpito il paese, i canili e le associazioni animaliste non ricevono più le sovvenzioni da parte dello Stato. A denunciare la drammatica situazione dei randagi è una volontaria del gruppo non-profit Stray.gr Christiana Kalogeropoulou.

A causa della congiuntura, infatti, sono molti i padroni che a malincuore decidono di privarsi del loro amico a 4 zampe, abbandonandolo in mezzo ad una strada. I volontari delle associazioni che si occupano della difesa e dei diritti degli animali lamentano di raccogliere ogni giorno decine e decine di randagi, non soltanto meticci, ma anche cani di razza.

Come ha spiegato Christiana Kalogeropoulou:

La situazione è completamente fuori controllo. Tutti gli sforzi fatti in passato per cambiare la mentalità della gente e far sì che lo Stato si assumesse le proprie responsabilità circa il fenomeno del randagismo non sono serviti a niente.

Le autorità statali, infatti, hanno completamente smesso di finanziare le operazioni di soccorso degli animali già a partire dal 2009. Un altro esempio del dramma che si sta consumando in Grecia è quella lamentata dal capo dell’Associazione ambientale per i Comuni di Atene e Pireo, che da 3 anni non riceve un solo centesimo da parte dello stato, nonostante per legge abbia diritto a finanziamenti pari al 70% del suo bilancio annuale, tanto che molti membri dell’associazione sono costretti a lavorare gratis. Tuttavia, troppi cani per le strade possono causare epidemie e malattie. Proprio in questi giorni, infatti, è esplosa un’epidemia di cimurro, una malattia mortale per i cani.

Due fa Atene investiva ben 500 mila euro per assistere e proteggere i randagi della Capitale; oggi il comune è riuscito a stanziare con enormi difficoltà solo 190 mila euro, e nei prossimi mesi è possibile che questa cifra venga ulteriormente ridotta.

La situazione è allarmante anche per via di un altro fenomeno. Nelle periferie, infatti, iniziano a vedersi cani randagi che girano in branco e che potrebbero rappresentare un pericolo per i bambini e le persone isolate. Anche per questo motivo le associazioni hanno chiesto aiuto alle istituzioni.

Photo Credit|ThinkStock

Categorie: Cani
Tags:

Commenta!

Articoli Correlati
Cani randagi, anche la Bulgaria pensa allo sterminio

Cani randagi, anche la Bulgaria pensa allo sterminio

Dopo l’Ucraina, anche in Bulgaria si torna a parlare di uccisione di massa dei cani randagi. A Sofia si contano 10 mila trovatelli. La psicosi serpeggia tra gli abitanti  della […]

Cani randagi, in Albania a rischio di fucilazione

Cani randagi, in Albania a rischio di fucilazione

Da questa sera sino al 25 aprile, in una cittadina a 100 chilometri da Tirana, la capitale dell’Albania, sarà possibile sparare ai cani randagi. Si, avete letto proprio bene, e […]

Massacro cani randagi Ucraina, la lettera di Zanoni alle autorità di Kiev

Massacro cani randagi Ucraina, la lettera di Zanoni alle autorità di Kiev

Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV e vice presidente dell’Intergruppo Benessere degli Animali al parlamento europeo, ha inviato una lettera alle autorità di Kiev, firmata da 22 Eurodeputati appartenenti a 11 stati […]

Massacro cani randagi Ucraina, l’intervento dell’ambasciatore italiano

Massacro cani randagi Ucraina, l’intervento dell’ambasciatore italiano

Sono mesi che Andrea Cisternino, il fotografo italiano che lavora a Kiev, denuncia il massacro dei cani randagi messo in atto dal governo ucraino per “ripulire” le strade in vista […]

La Uefa scende in campo contro lo sterminio dei cani randagi in Ucraina

La Uefa scende in campo contro lo sterminio dei cani randagi in Ucraina

Anche la Uefa, l’organismo alla guida del calcio europeo, scende in campo contro lo sterminio dei cani randagi in Ucraina, una barbarie senza senso, perpetrata ai danni dei nostri amici […]