Cani randagi, in Grecia a rischio per la crisi

di Tippi Commenta

cani randagi Grecia

In Grecia, a fronte dell’aumento dei cani abbandonati e della crisi economica che ha colpito il paese, i canili e le associazioni animaliste non ricevono più le sovvenzioni da parte dello Stato. A denunciare la drammatica situazione dei randagi è una volontaria del gruppo non-profit Stray.gr Christiana Kalogeropoulou.

A causa della congiuntura, infatti, sono molti i padroni che a malincuore decidono di privarsi del loro amico a 4 zampe, abbandonandolo in mezzo ad una strada. I volontari delle associazioni che si occupano della difesa e dei diritti degli animali lamentano di raccogliere ogni giorno decine e decine di randagi, non soltanto meticci, ma anche cani di razza.

Come ha spiegato Christiana Kalogeropoulou:

La situazione è completamente fuori controllo. Tutti gli sforzi fatti in passato per cambiare la mentalità della gente e far sì che lo Stato si assumesse le proprie responsabilità circa il fenomeno del randagismo non sono serviti a niente.

Le autorità statali, infatti, hanno completamente smesso di finanziare le operazioni di soccorso degli animali già a partire dal 2009. Un altro esempio del dramma che si sta consumando in Grecia è quella lamentata dal capo dell’Associazione ambientale per i Comuni di Atene e Pireo, che da 3 anni non riceve un solo centesimo da parte dello stato, nonostante per legge abbia diritto a finanziamenti pari al 70% del suo bilancio annuale, tanto che molti membri dell’associazione sono costretti a lavorare gratis. Tuttavia, troppi cani per le strade possono causare epidemie e malattie. Proprio in questi giorni, infatti, è esplosa un’epidemia di cimurro, una malattia mortale per i cani.

Due fa Atene investiva ben 500 mila euro per assistere e proteggere i randagi della Capitale; oggi il comune è riuscito a stanziare con enormi difficoltà solo 190 mila euro, e nei prossimi mesi è possibile che questa cifra venga ulteriormente ridotta.

La situazione è allarmante anche per via di un altro fenomeno. Nelle periferie, infatti, iniziano a vedersi cani randagi che girano in branco e che potrebbero rappresentare un pericolo per i bambini e le persone isolate. Anche per questo motivo le associazioni hanno chiesto aiuto alle istituzioni.

Photo Credit|ThinkStock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>