Alert dog, in Italia i cani che riconoscono le crisi diabetiche

di Fabiana Commenta

Stanno per arrivare anche in Italia gli Alert Dog, cani appositamente addestrati per poter riconoscere le crisi ipoglicemiche e iperglicemiche delle persone affette da diabete di tipo 1 che sembrano aver avuto risultato particolarmente soddisfacenti con i bambini.

L’annuncio arriva da Marco Melosi, presidente dell’Associazione nazionale medici veterinari proprio i concomitanza della Giornata mondiale del Diabete che cade 14 novembre.

diabete cani,

Gi Alert dog sono cani che vengono addestrati in modo particolare attraverso tecniche messe a punto negli Stati Uniti: in pratica vengono addestrati a diventare ‘sentinelle’ del diabete. 

Nel corso della prima fase dell’addestramento i cani vengono messi a contatto con diversi tipi di saliva che contengono differenti concentrazioni di glucosio: in questo modo l’alert dog ha imparato a riconoscere la concentrazione minore o maggiore delle concentrazioni di glucosio e nella fase successiva dell’addestramento riesce a identificare la soglia anche al sudore del corpo.

In questo modo, tramite il suo olfatto, il cane capisce quando scatta il pericolo di una crisi ipoglicemica o iperglicemica e viene ulteriormente addestrato per comportarsi di conseguenza.

HERO, IL LABRADOR EROE

Può avvisare i genitori del bambino, può correre a prendere il kit per il diabete o aiutare i diabetici adulti confortandoli quando non si rendono nemmeno conto che c’è una crisi in corso.

L’eccezione fiuto dei cani, un vero e proprio “secondo cervello” dedicato agli odori” come ricorda l’ANMVI, riesce già a scovare armi, droga o esplosivi e malattie di vario genere,  ma adesso il loro fiuto diventa fondamentale anche per tutelare i malati di diabete. E presto gli alert dog arriveranno anche in Italia.

 

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>