Tumore nel gatto, 11 cose da sapere

di cinzia iannaccio Commenta

Il tumore nel gatto non è frequente come nei cani, ma di certo è una malattia che non può essere esclusa nei nostri amici felini. E poi c’è un rischio in più: i mici tendono a mascherare il malessere e ciò, in materia di cancro può portare a diagnosi tardive e conseguentemente ad una serie di trattamenti lunghi, costosi, pesanti per l’animale, se non purtroppo a volte, all’eutanasia. E’ importante quindi avere una visione chiara delle cose per riconoscere quanto prima il tumore nel gatto ed intervenire precocemente. Ecco cosa c’è da sapere al riguardo.

tumore gatto 11 cose sapere

 

 

1 . Il cancro nei gatti è effettivamente più raro che nei cani (circa la metà dei casi), ma è anche solitamente più pericoloso ed aggressivo

2 .Il tumore più comune nei gatti è il linfoma ed è correlato al virus della leucemia felina (FeLV). A seguire per incidenza è possibile il riscontro di un carcinoma squamoso della bocca e del  fibrosarcoma (o sarcoma dei tessuti molli ), associato a delle iniezioni/vaccinazioni.

3. Il tumore delle mammelle del gatto è un riscontro sempre più raro grazie alla prevenzione (la maggioranza dei gatti che vede un veterinario è sterilizzata e dunque tale prassi sembra risultare determinante nell’ottica della prevenzione di questa neoplasia).

4. I sintomi del tumore nel gatto (diffici da comprendere anche perché non specifici) a seconda dei casi possono essere : grumi e bozzi sottopelle, vomito/diarrea (per lo più in caso di linfomagastrointestinale del gatto), perdita di peso, inappetenza, difficoltà di respirazione, letargia.

5. I casi di tumore nei gatti sono in aumento solo perché sono in aumento i gatti anziani (vivono cioè più a lungo e questo aumenta il rischio e la percentuale dei casi)

6. Non i sono razze di gatti più soggette a sviluppare tumore (come capita invece per alcune razze canine), ma i mici bianchi sono maggiormente inclini al carcinoma a cellule squamose, di solito sulle orecchie o sul musetto.

7. L’intervento chirurgico per rimuovere il tumore è la terapia più comune, seguito dalla chemioterapia (specie per i linfomi ed in caso di metastasi) e dalla radioterapia.

8. Il costo delle cure del tumore nel gatto può essere molto impegnativo (a partire dall’iter diagnostico), poiché non c’è una convenzione con il SSN.

9. Le percentuali di guarigione dipendono dal tipo di tumore e dal suo stadio al momento della diagnosi, ma poiché spesso la diagnosi è tardiva e la neoplasia aggressiva, si è sotto il 50% delle probabilità. Un motivo in più per prestare attenzione alla salute di micio.

10.  Lo specialista più idoneo in caso di cancro nel gatto (o sospetto) è un veterinario oncologo.

11. Prevenire la leucemia felina con il vaccino è fondamentale per evitare il rischio di fargli sviluppare un linfoma, così come la sterilizzazione per il tumore delle mammelle nel gatto.

 

 

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

La prevenzione dei tumori nei cani

Neoplasia gastrointestinale nel gatto

Tumore ghiandole surrenali gatto, aspettative di vita

Gatto anziano con tumore all’occhio: operare? Risponde il veterinario

Feocromocitoma nel gatto, sintomi, cura e diagnosi

Nodulo dorso del gatto, un mastocitoma?

Linfoma stomaco nel gatto, che fare?

Linfoma maligno nel cane, quali cure?

 

 

Fonte: Web MD PET

Foto: Thinkstock

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>