Cani, più socievoli con l’uomo che con i loro simili 

I cani? Sono estremamente più socievoli con l’uomo che non con i loro simili: lo conferma un recente esperimenti scientifico che è stato pubblicato sulla rivista Plos One effettuando un confronto fra i lupi e i cani e dimostrando che i lupi, parenti dei cani, tendono ad essere maggiormente cooperativi fra di loro. 

lupi

E se le ipotesi di addomesticamento suggeriscono che i cani siano stati selezionati per una maggiore cooperazione, è pur vero che is risultati dello studio condotto dalla ricercatrice Rachel Dale del Wolf Science Center di Vienna, sembrano dire qualcosa di diverso.

Piano Lupo, no agli abbattimenti e sì alle mitigazioni

No agli abbattimenti dei lupi, sì alle iniziative di mitigazione: è questo il nucleo del Piano Lupo come anticipato dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa. 

Il piano lupo è pronto per essere consegnato alla Conferenza Stato-Regioni, esclude gli abbattimenti e prevede 23 azioni di gestione, compresa – ed è una rilevante novità – la sperimentazione di iniziative di mitigazione a livello microterritoriale. 

lupi, riapertura caccia al lupi

Queste le parole del Ministro secondo quanto riferisce la deputata Michela Vittoria Brambilla, presidente dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali. 

Lupi e orsi non si uccidono, il Piano Lupo del Ministro Costa

L’ho sempre detto e lo ripeto: lupi e orsi non si uccidono. 

Comincia così il lungo post su Facebook del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa che ha annunciato che il Piano Lupo praticamente è pronto. 

lupi

Sto tornando da due intensi giorni in Trentino Alto Adige, dove ho voluto incontrare i presidenti delle province autonome di Trento e Bolzano, Maurizio Fugatti e Arno Kompatscher. Non è un mistero che abbiamo posizioni lontane, ma non per questo inconciliabili. È proprio questo il lavoro della politica. Un punto deve restare fermo: lupi e orsi non si abbattono! Ho detto loro, e ripetuto ai cittadini, che proprio dopo questa mia visita in Trentino depositerò alla conferenza permanente Stato regioni il Piano Lupo, che è stato completato, con il prezioso supporto dell’Ispra.

Svezia, il parco di Kolmarden uccide i lupi per rischio sconfinamento

Animalisti sul piede di guerra contro la Svezia: il parco nazionale di Kolmarden, uno tra i più celebri di tutto il Paese ha optato per una decisione quanto meno discutibile e ha voluto eliminare i suoi lupi uccidendoli e non sostituendoli. 

lupi, riapertura caccia al lupi

Il motivo? I lupi del Parco sono stati considerati troppo pericolosi e anche capaci di sconfinare con il rischio, abbastanza concreto, di poter attaccare gli esseri umani avvicinandosi troppo ai centri abitati intorno al Parco. 

Trentino, Veneto e Toscana, al via la richiesta della gestione autonoma dei lupi

Le Province autonome di Trento, Bolzano, la Regione Toscana e la Regione Veneto continuano ad avere paura dei lupi e chiedono a governo e Unione europea la possibilità di poter gestire in modo autonomo i lupi: richiesta anche la possibilità di abbattimenti selettivi in casi estremi quando gli esemplari siano particolarmente pericolosi. 

lupi, riapertura caccia al lupi

Una richiesta che arriva per poter tutelare l’agricoltura di montagna dai lupi che vengono considerati pericolosi: la prima richiesta è arrivata dalle province autonome di Trento e Bolzano cui presto si è aggiunta la richiesta della Regione Toscana. 

Lupi nella regione Veneto, arriva il radiocollare

Arriva il radiocollare per i lupi presenti nelle aree comprese tra Lessinia, Monte Carega a Altopiano di Asiago nella Regione Veneto onde evitare ulteriori peggioramenti dei danni agli allevatori della zona.

lupi

La proposta arriva dall’assessore regionale all’agricoltura Giuseppe Pan in occasione del tavolo regionale per la gestione del lupo e dei grandi carnivori ed è già stato approvato in via preliminare dal Ministero dell’Ambiente e dall’Ispra. 

Mappa il randagio, la app contro il randagismo

Si chiama Mappa il randagio ed è la nuova app messa a punto dal progetto LIFE MircoLupo che si occupa dello studio e della tutela dei lupi e che consente di poter segnalare la presenza di cani randagi e vaganti sul territorio: l’obiettivo è di creare una banca dati relativa al fenomeno del randagismo attraverso la condivisione di foto e informazioni sui social.

cane randagio

Messa a punto dal progetto LIFE MircoLupo per lo studio e la tutela dei lupi, la app fa parte del progetto Life Natura finanziato dall’Unione Europea ai Parchi Nazionali dell’Appennino Tosco-Emiliano e del Gran Sasso-Monti della Laga e nato con l’obiettivo di limitate l’impatto del randagismo dei cani e, ma anche della conservazione del lupo.

Lupi sul Monte Argentario, Enpa contro il Ministero dell’Ambiente

È scontro fra Enpa e il Ministero dell’Ambiente in seguito all’avvistamento di lupi nella zona di Porto Ercole all’Argentario, in provincia di Grosseto.

lupi, riapertura caccia al lupi

La Regione ha richiesto trappole per la cattura di predatori, in particolare di ibridi fra cane e lupo e sembrava che l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) avesse espresso parere positivo prevedendo l’attivazione di trappole per un periodo di tempo limitato e nel caso delle catture di ibridi, la sterilizzazione, l’invio in strutture specializzate e l’abbattimento ove necessario. 

Bolzano, boom di firme per abbassare il livello di tutela del lupo

È boom di firme a Bolzano per la petizione che chiede maggiori competenze alla Provincia di Bolzano per la gestione del lupo: lanciata dall’assessore altoatesino per l’agricoltura Arnold Schuler, in sostanza la petizione si rivolge a Bruxelles e a Roma con l’obiettivo di abbassare il livello della tutela del lupo.

lupi

Sono state sufficienti appena 24 ore per poter raccogliere ben 12mila firme anche in virtù del fatto che sono ripresi gli avvistamenti di lupi in zona: come informa il portale news altoatesino stol.it, un lupo sarebbe stato avvistato in pieno giorno a Terlano, paesino collocato nella valle dell’Adige tra Bolzano e Merano e qualche notte fa un lupo avrebbe sbranato un capriolo vicino al lago di Costalovara sul Renon.

Trentino, chiesti abbattimenti più facili per lupi e orsi

Dopo l’abbattimento dell’orsa Kj2, rea di aver ferito un uomo nella zona dei laghi Lamar, la provincia di Bolzano si appresta a dire basta a orsi e lupi e chiede abbattimenti più facili degli animali.

lupi, riapertura caccia al lupi

La Provincia autonoma chiede un tetto massimo per i lupi e catture o abbattimenti più facili e riceve anche l’ok del presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, al centro delle polemiche proprio per l’abbattimento dell’orsa Kj2.

Lupa morta a Bologna, è stata avvelenata

È stato trovato pochi giorni fa salla polizia provinciale di Bologna a Sasso Marconi, nei pressi di via Vizzano, il cadavere di una lupa, molto probabilmente morta avvelenata.

L’esemplare non è morto in seguito a un incidente stradale, non riportava fratture o ferite e quasi certamente è deceduta a causa di qualche boccone avvelenato.

lupi, riapertura caccia al lupi

Nel cavo orale sono stati rinvenuti fili di erba e ciò confermerebbe la teoria del boccone avvelenato visto che i canidi sono soliti mangiare erba quando vogliono provocarsi conati di vomito per liberarsi del contenuto gastrico quando diventa per loro indigeribile, fastidioso o appunto tossico e magari avvelenato. 

Civitella Alfedena, nati quattro cuccioli di lupo – video

Da qualche giorno a questa parte almeno quattro cucciolotti di lupo animano l’area faunistica del lupo di Civitella Alfedena, vicino Pescasseroli in provincia de L’Aquila: ad avvistare i piccoli sono stati i custodi della zona e il veterinario del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm) Leonardo Gentile.

I lupetti dovrebbero essere almeno quattro, e dovrebbero avere circa 30 giorni: al momento sembrano godere di perfetta salute. I custodi sono riusciti ad avvistare e riprendere i lupetti che restano costantemente sotto l’occhio vigile della mamma. 

Lupi, riconoscono le ingiustizie come i cani

Lupi e cani: che differenza intercorre fra di loro? Tutto sommato, poche perché cani e lupi sono abbastanza simili tanto riconoscere e reagire allo stesso modo alle ingiustizie. 

lupi, riapertura caccia al lupi

Già era noto che uomini e cani riconoscessero le ingiustizie, ma lo studio condotto dall’Università di Medicina Veterinaria di Vienna e pubblicato sulla rivista Current Biology, ha confermato che tanto le coppie di lupi quanto le coppie di cani, si rifiutavano di collaborare quando riconoscevano di essere vittime di un’ingiustizia. traducendo: quando la ricompensa veniva assegnata solo al loro partner o si riceveva solo la ricompensa più piccola. 

I cani e il loro sguardo colpevole, un’eredità dei lupi

Avete presente lo sguardo colpevole, ma veramente colpevole dei cani quando combinano qualcosa che non avrebbero dovuto fare o quando vengono rimproverati? Impossibile resistere al loro sguardo in questi casi anche se pare che non si tratti esattamente di ammissione di colpevolezza, ma che sia dettato dalla paura.

cane, 10 cagnoloni che ci hanno dato la carica nel 2016

A confermarlo un recente studio del New York College, per un’analisi pubblicata su Psychology Today che ha anche parlato di come il comportamento dei nostri amici a quattro zampe sia stato ereditato dai progenitori lupi