Gatto neonato, le cure

Richiesta di consulto veterinario su cure gatto neonato
“Ci è stato portato un gatto molto piccolo, probabilmente di non più di 2 settimane di vita. Al momento ha gli occhi aperti (anche se non sembra vedere bene essendo piccolo) e ancora non riesce a mangiare da solo. Per il momento abbiamo preso del latte di capra e lo stiamo allattando con la siringa ogni volta che lo chiede, e con un panno strofiniamo la zona genitale per farle fare i bisogni e cerchiamo di mantenerlo al caldo. Volevo un consiglio per quanto riguarda l’alimentazione, se il latte di capra va bene, se bisogna integrare la sua dieta con qualche altro alimento, che cosa darle quando sarà cresciuta e se ci sono altri particolari accorgimenti da prendere. Grazie in anticipo per l’attenzione.”

 

gatto neonato cure

Se mamma gatta non vuole più allattare i cuccioli

Richiesta di consulto veterinario su gatta che non vuole più allattare i cuccioli
“Salve,la mia cagnolina ha partorito giorno 14 Settembre 8 cuccioli, sono tutti vivi, ma lei è diventata molto magra con tutto che le dò da mangiare… è da due giorni che ho notato che si sta allontanando dai cuccioli e quindi non li allatta… Sono molto preoccupata, che cosa potrei fare? E poi questi cuccioli li vorrei dare a chi può occuparsene, è ancora presto? Grazie per la risposta...”

gatto non allatta cuccioli

Comportamento gatta con cuccioli appena nati

Richiesta di consulto veterinario comportamento mamma gatta con cuccioli appena nati
Salve qualche giorno fa una gatta ha partorito dei cuccioli (anche in modo prematuro a mio parere) ed essendo una gatta selvatica non si avvicina più di quel tanto a noi. Quando ha partorito i gattinini erano tutti sparsi in gruppetti di due e alcuni di loro attorcigliati dall’erba (quasi soffocavano). Allora li abbiamo liberati e messi accanto a lei. Da ieri però non fa altro che lasciarne due soli. Fa molto caldo e non so dove si sia nascosta la gatta per avvicinarglieli, mi dispiacerebbe se morissero così e non so cosa fare.

Comportamento gatta con cuccioli appena nati

Miyu, la mamma gatta che parla ai suoi piccoli (VIDEO)

Mother’s love! Viva la mamma! Nel giorno della sua festa, occhi e cuore, ma anche orecchie, puntati su di lei, la mamma, e sui dolci suoni dell’amore! Una delle scene più belle che Madre Natura ci regali, una scena che si ripete dall’inizio dei tempi ed è sempre nuova ed emozionante è vedere una mamma completamente dedita ai suoi piccoli. Come la gatta Miyu, per lei non ci sono distrazioni di sorta e li accudisce anche con le sue soavi ‘parole’…

La gorillessa e i gattini (VIDEO)

Koko è una gorillessa molto speciale. Oltre a saper comunicare con la lingua dei segni, a essere in grado di usarne un migliaio, e di comprendere circa 2 mila parole inglesi, oltre ad avere un’intelligenza eccezionale, ha un forte istinto materno e ama i gattini da sempre. Non ha potuto avere figli suoi e questo l’ha resa un po’ triste. Per cui dall’85  l’idea dei suoi amici umani di darle un gattino per farla sentire meno sola. Ma quest’estate, in occasione del suo 44 esimo compleanno lo staff della Fondazione Gorilla a Redwood City, in California dove vive, ha pensato di farle una sorpresa particolare…

 

Gattino neonato non fa la cacca, è normale?

Richiesta di consulto veterinario
Buon giorno, avrei un piccolo problema, e prima di andare da un altro veterinario volevo sapere se è davvero un problema: circa dieci giorni fa ho trovato una gattina neonata orfana e me ne sto prendendo cura al meglio delle mie possibilità, ma sono ormai sei giorni che non fa la cacca. Il mio veterinario mi ha detto che è normale perché la gattina ha due settimane e le funzioni intestinali non sono ancora molto sviluppate. Devo stare davvero tranquilla oppure devo cominciare a preoccuparmi? Premetto che la gattina urla che è un piacere, mangia e fa la pipì.

 

 

gattino non fa cacca

Perché i gattini mordono?

Siete i nuovi, amabili, padroncini di un vispo quanto tenerissimo gattino? Ma da subito vi impensierisce e vi irrita persino un pò, ammettetelo, la sua imprevista specialità emergente: mordere, fortissimamente mordere, a più non posso, qualsiasi cosa gli capiti a tiro; che sia il vostro dito o un oggetto sul sofà. Altolà! Prima di arrivare a brusche conclusioni o di sviluppare nei suoi confronti una condotta severa, se non intransigente, è bene sappiate perché lo fa.  D’altra parte: non vedete che già alza le zampe in segno di scuse e coccolosa resa?

Gattino giocherellone

 

Vomito e diarrea nel gatto piccolo, che fare?

Richiesta di consulto veterinario
Ho un gattino di un mese e mezzo adottato due giorni fa. il primo giorno ha mangiato carne in scatola, il secondo gli ho dato le crocchette kitten insieme a un pò di carne e poi ha vomitato e fatto un pò di diarrea. La sera era affamato così gli ho dato di nuovo la carne in scatola pensando che il problema derivasse dalle crocchette ma oggi ha fatto di nuovo la diarrea. Cosa deve mangiare? E cosa devo fare per la diarrea?

 

vomito e diarrea gattino che fare

Gattino di pochi giorni non fa i bisogni, che fare? Veterinario risponde

Richiesta di consulto veterinario
Buongiorno, il primo Maggio ho trovato un gattino di circa 10 giorni mentre veniva aggredito da un gatto adulto. Non trovando la mamma e non volendo lasciare il piccolo in balia degli altri gatti della zona l’ho portato a casa. Mi sono presa cura della ferita al collo procurata dal perforamento del dente del gatto adulto (fortunatamente non profonda) ed il piccolo sembra stare bene se non che non ha defecato neanche una volta da quando l’ho preso, mentre fa la pipì più volte al giorno, sopratutto dopo mangiato. Lo sto nutrendo con latte per neonati ed il cucciolo sembra contento e fa le fusa godendosi le attenzioni. E’ normale che non faccia bisognini solidi? Al momento il mio veterinario ha avuto un grave problema familiare ed è fuori zona, quindi non ho modo di farlo visitare e Vi sarei grata se poteste darmi qualche consiglio.

gattino non fa bisogni veterinario risponde

Proteggere i polpastrelli del gatto in inverno

polpastrelli del gatto

Il freddo è ormai arrivato ufficialmente anche nella nostra penisola e la sera il ghiaccio fa capolino: occorre iniziare a proteggere i polpastrelli del gatto proprio da queste insidie, onde evitare che lo tesso si possa ferire. I cuscinetti del gatto, carnosi e morbidissimi, sono molto delicati: il felino tiene alla loro cura leccandoli e tenendoli idratati naturalmente in questo modo.

Gattini, svezzamento ed alimentazione

Gattini che passione! Sono teneri più che mai e necessitano di tante amorevoli cure e di coccole. Un particolare aspetto riguarda l’alimentazione e lo svezzamento, che può iniziare già a quattro settimane di vita, ovvero in occasione del primo complemese. Ma come fare? Va gradualmente creato un distacco con la mamma gatta che ancora allatta, in modo che i piccini siano stimolati nell’appetito e dunque disponibile ad accettare qualcosa di diverso del latte materno. All’inizio il gattino ha bisogno di tante proteine che dovranno essere di qualità (mi raccomando acquistate prodotti ad hoc!).

Cosa fare se si trovano gattini abbandonati

Cosa fare se si trovano dei gattini abbandonati? Sembra facile a dirsi, ma il panico domina ed effettivamente è difficile capire come comportarsi, specie se si è inesperti. Vi è mai capitata questa esperienza? A me sì ed era un micio solo, di pochissimi giorni: era finito in una grondaia, incastrato. La prima difficoltà è stata quella di tirarlo fuori e poi pulirlo per controllare che non avesse ferite. Il tutto è capitato in un residence, dove lavoravo, vietato agli animali, anche se qualche gatto girovagava  da giorni, grazie al cibo lasciato da un’anziana signora.

Prendersi cura di un gattino rimasto orfano

svezzamento gattinoChe si tratti di un gatto randagio salvato dalla strada, piuttosto che del micio della vostra gatta scomparsa, prendersi cura di un gattino rimasto orfano non sempre è facile. Più sono poche le settimane di vita e più arduo si fa il compito. In alcuni casi, può anche capitare che la madre non sia morta ma che abbia sviluppato complicazioni, malattie o debilitazione, o ancora ghiandole mammarie infette, o insufficienza negli eccipienti nutritivi del latte materno. In ogni caso, se il micio è troppo piccolo per alimentarsi da solo dovremmo provvedere noi alla sua nutrizione e allo svezzamento.

Se avete un’altra gatta fertile, non dovrebbe essere difficile farle adottare il micio rimasto orfano. A me è addirittura capitato che una cucciolata venisse allattata da ben due mamme-gatto che si alternavano, di cui una aveva perso i suoi cuccioli e dirottato il suo amore materno verso quelli altrui. Se invece non avete altre gatte a disposisione, non vi resta che provvedere voi stessi, avvalendovi del consulto del veterinario, sugli orari di somministrazione del latte, le modalità e le quantità, tutto rapportato all’età del micio, alla sua costituzione fisica e alla situazione clinica.