Cane aggressivo, è obbligatoria la museruola?

Richiesta di consulto legale: Ho un meticcio di taglia media, preso al canile, ma purtroppo non va d’accordo con alcuni cani, in particolare con un amstaff, sinceramente mi spavento anche per la mia incolumità, ho detto diverse volte al proprietario di usare la museruola per il suo cane aggressivo, ma essendo maleducato mi ha risposto che devo metterla io. Sono esasperata non so più cosa fare e ogni volta che esco con il mio cane è uno spavento. Cosa posso fare? 

cane aggressivo

Si può restituire il cane in affido?

Ci stanno arrivando in redazione numerose richieste di consulto legale sulla restituzione al canile di cani adottati o in affido. Ne abbiamo accorpate 2 con diverse ma simili motivazioni. Ecco quai sono o cosa risponde il nostro avvocato esperto in materia di animali domestici

 

Richiesta di consulto legale su restituzione cane in affido n°1: ho un cane in affido preso in un canile. Dopo circa un mese il case è diventato aggressivo in casa e fuori. Nel canile dove ho fatto l’affido fanno storie per riprenderlo, cosa devo fare?

Richiesta di consulto legale n°2: Ho in affido da un mese e mezzo un cane che purtroppo in questo periodo è diventato aggressivo in casa e fuori, il canile non lo vuole indietro è giusto?

cane in affido

Come evitare che il cane sia aggressivo con altri cani

Zuffa tra cani

Una zuffa tra cani può capitare a chiunque, soprattutto se si tratta di amici a quattro zampe che vogliono difendere il toro territorio da intrusioni di altri cani. Si tratta comunque di episodi spiacevoli che possono essere evitati con alcuni comportamenti mirati, di cui oggi ci occupiamo, anche per evitare che il nostro pet possa ferire, o essere ferito, nel corso della zuffa. Vediamo quali sono gli atteggiamenti giusti da assumere in queste circostanze.

Un cane come bodyguard per le donne

cane come bodyguard

Un cane è un ottimo animale domestico, compagno di vita e di giochi per i bambini, membro della famiglia: ma oggi potrebbe rivelarsi anche un ottimo compagno per le donne che sono sole e che hanno paura a passeggiare in città, magari la sera o la notte. Un cane come bodyguard insomma, per proteggere le donne da aggressioni da parte di malintenzionati o anche solo per farle sentire più tranquille ed al sicuro.

Aggressione tra cani nel parco pubblico: come comportarsi parte I

Oggi cari lettori ed amici di Tutto Zampe ci occupiamo di una problematica che interessa quanti di voi che si recano, quotidianamente o sporadicamente, nei parchi pubblici aperti agli animali, chiamate anche aree di sgambamento. Si tratta di aree verdi attrezzate per poter far correre e socializzare i nostri amici a quattro zampe: soltamente le aree sono recintate, dotate di segnaletica e sacchetti di plastica per le deiezioni.

In tali aree il cane può restare libero sotto il controllo del proprietario: ma cosa accede se per caso si scatena una aggressione? Se ciò un cane ne attacca un altro provocandogli ferite e lacerazioni con postumi permanenti? Ad esempio la perdita di un arto o di un occhio? In tali casi occorre in primis chiedere al proprietaio dell’altro cane gli estremi della sua assicurazione: solo in questo modo infatti si potrà dare lo scarico ed essere risarciti dei danni e delle spese veterinarie sostenute.

Se la persona non ha assicurato il proprio aninale domestico allora sarà necessario farsi rilasciare i dati al fine di formalizzare una denuncia querela presso le autorità giudiziarie, per far valere in giudizio le proprie ragioni. Ricordate che oltre alle spese vive, veterinarie e di primo soccorso, l’animale domestico è produttivo altresì di danni morali. Infatti ai sensi dell’art. 185 del codice penale L’atto illecito che determina la malattia o la morte di un animale di compagnia è fatto produttivo di danni morali nei confronti di chi lo accudiva e ne aveva cura, in ragione del coinvolgimento in termini affettivi che la relazione tra l’uomo e l’animale domestico comporta, dell’efficacia di completamento e arricchimento della personalità dell’uomo e quindi dei sentimenti di privazione e di sofferenza psichica indotti dal comportamento illecito.

Museruola cani, meglio il paradenti

paradenti caniLa museruola è uno strumento indispensabile per la salvaguardia dell’incolumità delle persone che vengono a contatto con cani pericolosi. Anche quando il proprietario è sicuro che gli atteggiamenti aggressivi dell’animale non creino alcuni pericolo per sè stesso e per i suoi familiari, non bisogna infatti dimenticare che per strada, o anche a casa, il cane potrebbe diventare irascibile con la prima persona estranea che si avvicina, che sia il postino, o un vicino di casa, piuttosto che un passante.

Una misura preventiva resasi necessaria, quella della museruola, dopo i molti episodi di aggressione, anche a bambini e membri della famiglia, che hanno visto protagonisti cani come i doberman, i pit bull, i rottweiler. In realtà abbiamo già spiegato che l’aggressività di un cane deriva nella maggioranza dei casi da un cattivo addestramento o peggio da un non addestramento, e in razze così cariche di energia se la si incanala in modo sbagliato, è facile sfociare in eventi spiacevoli come le aggressioni a persone o cose. Tornando alla museruola, i cani, inutile dirlo, non la amano affatto. Ma oggi potrebbe esserci finalmente una soluzione alternativa, che renda il cane inoffensivo senza però rivelarsi un metodo eccessivamente invasivo per la sua libertà di  movimento e di interazione con il mondo esterno.