Cane non abbaia, perché?

Perché il cane non abbaia? Spesso e volentieri il suo modo di comunicare in alcuni contesti appare addirittura eccessivo a tal punto che (forse) qualcuno vorrebbe anche che non avvenisse così di sovente: proprio perché abbaiare è normale per questi animali, bisogna chiedersi se ci sia qualcosa che non va quando ciò non accade.

Cosa fare quando il cane abbaia troppo

Cosa fare quando il cane abbaia troppo? Ogni tanto i nostri dolci animali domestici dimostrano di avere una particolare propensione all’abbaio, facendo sentire la loro voce inopportunamente anche al muoversi di una foglia. Come possiamo insegnarli a contenere questo tipo di “entusiasmo”?

educare cane ad abbaiare meno

Cucciolo cane abbaia in continuazione

Richiesta di consulto veterinario su cucciolo di cane che abbaia in continuazione
Salve, Il mio cane ha compiuto 6 mesi da poco e fin da subito è stato abituato a vivere sul balcone di casa mia, al primo piano. Negli ultimi giorni abbaia in tutte le ore (incessantemente durante la notte) fino ad arrivare a livelli di rumore poco sopportabili e fastidiosi. Ho provato a farlo entrare in casa con me per un pó o a portarlo a fare una passeggiata, ma appena ritorna sul balcone la storia ricomincia. Ho anche provato a dargli qualche sberla quando abbaia, ma niente. Cosa potrei fare per risolvere il problema?

Cane abbaia in condominio, cosa dice la legge?

Richiesta di consulto legale: Ho due cagnolini, taglia medio piccola, e abito in un condominio che accetta animali. Uno dei nostri vicini tuttavia si lamenta dell’abbaiare dei cani, minacciando anche di denunciarmi, nonostante io abbia già preso misure per contrastare l’abbaiare, come cercare di portare il cagnolino dai nonni se stiamo via tutto il giorno e mettere una telecamera di video sorveglianza se ci allontaniamo per poche ore. Di notte i cani sono sempre custoditi. Vorrei avere qualche informazione in merito alla normativa sull’abbaiare dei cani, e se possono essere intraprese azioni legali contro di noi fino all’allontanamento dei cani.

Cane abbaia in condominio

Collare elettrico per il cane che abbaia, denunciato cacciatore

Costretto a indossare un collare elettrico, cioè un tipo di collare che rilascia scosse elettriche ogni volta che il cane abbai. Da tre anni, un povero setter, tenuto in una gabbia in un giardino a Montemarciano (provincia di Ancona) era sottoposto a questa tortura. Le guardie zoofile dell’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) di Ancona, intervenute dopo aver ricevuto segnalazione di un cane con uno strano collare, hanno liberato il setter e denunciato per maltrattamenti il proprietario, un cacciatore.

 

Primo piano setter

Cane abbaia sempre, perché e cosa fare: veterinario risponde

Richiesta di consulto veterinario

“Oliver è il mio cocker spaniel che ha 2 anni e 4 mesi. E’ stato difficile all’inizio dominarlo (ogni componente della famiglia ha ricevuto un morso tranne me) ma, dopo aver preso consulti presso specialisti, siamo riusciti ad impartire delle regole ben precise che ci hanno permesso, dopo mesi, di ottenere una civile convivenza. Da qualche mese, però, abbaia in determinate situazioni. ……..

cane abbaia sempre veterinario risponde

Cane che abbaia in condominio: è disturbo della quiete pubblica?

Richiesta di consulto legale, su cane che abbaia in condominio: Da non molto tempo mi sono trasferito in un condominio al piano terra con giardino, ho due Pastori Tedeschi i quali al mattino alle 7:30, quando usciamo per recarci al lavoro, abbaiano per alcuni minuti direi circa cinque abbai, sicuramente potenti. Presumo che se durante la mattinata passino cani sotto a casa un abbaio scappi, ma dalle 15:00 ora in cui rientro a casa fino al giorno seguente non fiatano più, sabato e domenica sono con me e zero abbai. Mi sono visto consegnare una raccomandata dove si dice che i cani con il loro incessante abbaiare arrecano disturbo. Si tratta di disturbo della quiete pubblica?

Cane che abbaia in condominio

Cane abbaia troppo, multato il proprietario. Ma è possibile?

Premetto che non si tratta di una delle solite storie di inciviltà legate alla burocrazia tipiche dell’Italia, questa volta siamo a Peroj, in Croazia, dove un proprietario è stato multato di ben 2.800 euro perchè il suo cane abbaia troppo. Si, avete letto bene: Medo, questo il nome del pet, abbaia troppo in maniera insistente, che gli è valsa una denuncia per disturbo della quiete pubblica ed un’ingiunzione a non abbaiare.

Cane abbaia troppo

Se il cane abbaia troppo, si rischia la multa

cane abbaia troppo

Una multa piuttosto salata per una famiglia di Seriate, alle porte di Bergamo, che per colpa dell’abbaiare di Fido sono stati condannati al pagamento di ben 25mila euro di multa. Un vero paradosso all’italiana: ma vediamo come sono andati i fatti. La vicenda risale al 2007 quando due famiglie iniziano una battaglia giudiziaria per via del cane della famiglia, reo a loro avviso di abbaiare troppo. Il fatto contestato in particolare era un abbaio di 149 secondi, avvenuto in orario notturno, ovvero poco più di due minuti.

Cani: attenzione all’abbaiare troppo intenso

Se il vostro cane abbaia ininterrottamente, sia durante la notte che durante il giorno, fate attenzione: potreste essere citati in giudizio dai vostri vicini di casa se sono poco amanti degli animali. La Cassazione settima sezione penale, sentenza n. 26107/2006 ha infatti stabilito che chi non riesce a dormire a causa dell’abbaiare ininterrotto dei cani ha diritto ad un risarcimento.

Con la motivazione che indicheremo di seguito, è stato accordato  un risarcimento di mille euro ad un signore di Catania che, certificati medici alla mano, aveva dimostrato che il continuo abbaiare, anche di notte, dei due cani del vicino, avevano impedito il suo riposo. La Suprema Corte ha in proposito sottolineato che il ridotto ambito delle molestie non esclude la sussistenza del reato potendo esso ravvisarsi anche nel caso in cui rimanga leso l’interesse di una persona singola, considerato che, oltretutto, l’abbaiare di cani, specialmente di notte, è un fatto potenzialmente idoneo a disturbare il riposo o l’occupazione delle persone che risiedono nelle vicinanze della fonte del rumore”.

Questa sentenza però contrasta con un’altra, già emessa sempre dalla stessa corte, che riconosceva il diritto ad abbaiare come fondamentale per il cane: infatti la Cassazione con sentenza 1349 del 06/03/2000 ha stabilito che se gli ululati non disturbano una pluralità di persone, ma ad averne fastidio è il vicino di casa, è inutile querelare il padrone per disturbo alla quiete pubblica in quanto il disturbo non coinvolge che un solo nucleo familiare.