Sosteniamo i Centri di recupero: nuovo progetto Lipu e Norda

di Giulia 1

La LIPU lega italiana protezione uccelli in collaborazione con Norda, lancia un nuovo progetto, interessante, denominato Sosteniamo i Centri di recupero: la collaborazione tra Norda e la Lipu giunge al suo terzo anno consecutivo ed il progeto è pensato per la salvaguardia faunistica ed ecoambientale.

Norda aiuterà alcuni centri di recupero fauna selvatica gestiti dalla Lipu, che al Nord si trovano a Pontevecchio di Magenta ed a Milano, al Centro a Livorno mentre al Sud nella città di Palermo, dove vengono curati e aiutati animali selvatici di varie specie, in particolare uccelli feriti, fra cui anche molti rapaci. Alcuni Centri di recupero sono aperti al pubblico e svolgono un’importante funzione didattica e di sensibilizzazione.

I Centri Recupero Lipu sono speciali ospedali che, ogni anno, curano oltre quindici mila animali selvatici: al momento si possono contare dodici centri Lipu, gestiti da operatori e volontari, ma si spera che tali centri possano crescere per aiutare quanti più animali possibile. Gli animali nel centro vengono prima ricoverati poi vengono curati ed infine riabilitati, per renderli autonomi e poter poi essere liberati, vengono effettuati esami radiografici e operazioni chirurgiche sui pazienti più gravi. L’obiettivo del centro e della Lipu infatti è proprio quello di curare gli animali per poi lasciarli nuovamente liberi di vivere nel proprio ambiente naturale.

Nel centro inoltre viene prestato soccorso a tutti gli animali trovati feriti o in difficoltà. Elena D’Andrea, Direttore generale Lipu-BirdLife Italia ha dichiarato che anche quest’anno Norda aiuterà concretamente i Centri Recupero Lipu sostenendo le spese per interventi veterinari, a supporto di operatori specializzati, l’alimentazione dei rapaci ricoverati, le strumentazioni e i medicinali, la realizzazione di materiali di sensibilizzazione. La filosofia che anima i Centri di recupero è bella, nobile e sa conquistare chi ama la natura: dare una seconda possibilità ad animali che spesso hanno perso la prima a causa dell’uomo. Un compito importante, doveroso e coinvolgente.

Foto

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>