Il prurito nel cane

di Redazione 5

prurito nel cane

Il prurito è una sensazione che viene percepita quando l’intensità dello stimolo supera il limite massimo di tolleranza, o soglia del prurito (S.D.P.). La soglia del prurito non è uguale per tutti ma varia a secondo dell’animale; ad esempio, in un cane in cui la S.D.P. è bassa, uno o due stimoli sono sufficienti ad indurlo a grattarsi e a mordersi, mentre in uno in cui la S.D.P. è alta, il prurito viene percepito in forma lieve. Inoltre, alcuni fattori esterni come lo stress, la noia e la secchezza cutanea, possono amplificare la sensazione di prurito e indurre il cane a grattarsi.

Il prurito nel cane può essere dovuto a dermatiti parassitarie, ad allergie  alimentari, nel caso in cui l’animale abbia più di sei mesi, e di dermatite atopica, che si sviluppa tra uno e tre anni. Un fattore importante da valutare è da quanto tempo è presente il prurito; quello cronico e costante è indice di malattie allergiche, più che di infestazioni parassitarie. 

Se, invece, il prurito è stagionale, è meglio orientarsi su possibili attacchi di parassiti presenti in quel determinato periodo dell’anno, come le zanzare o le pulci, oppure su allergeni stagionali, come il polline o le erbe infestanti. Nel cane, infatti, gli allergeni ambientali vengono assorbiti a livello cutaneo e nei soggetti predisposti costituiscono la causa primaria del prurito.

Nel caso in cui verifichiate un aumento significato di prurito da parte del vostro cane, non sottovalutate il sintomo e portate l’animale dal veterinario il quale vi consiglierà l’antiparassitario esterno più indicato.

Commenta!

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>