Obbligo di ricetta elettronica, i veterinari chiedono periodo di prova

di Emma Commenta

Entrerà in vigore dal prossimo 1 settembre del 2018 la ricetta elettronica obbligatoria per i farmaci veterinari e  tracciatura delle confezioni come previsto dalla  legge 167/2017, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 27 novembre.

spese veterinarie , mutua cani e gatti, assicurazione, mutua cani e gatti, cani e gatti

Ma la scadenza è troppo a ridosso e i veterinari del Sivelp chiedono un periodo di prova al Ministero della Salute, chiedendo un intervento sulla ricetta elettronica. 

L’entrata in vigore della ricetta elettronica creerebbe, secondo il Sindacato dei veterinari liberi professionisti, problemi all’intero sistema, che non “riuscirebbe più a garantire la necessaria copertura terapeutica, anche per gli interventi urgenti”.

La soluzione, per evitare il repentino blocco del sistema, potrebbe essere quella di mantenere contemporaneamente per qualche tempo sia la ricetta cartacea tradizionale sia la ricetta elettronica.

Il problema, ancora una volta, consiste nella mancanza di adeguamento tecnologico necessario immediato e disponibile per poter passare dalla ricetta tradizionale alla ricetta elettronica. Il sindacato sottolinea in molti casi e in molte aree diventerebbe difficile procedere all’emissione della ricetta elettronica mancando proprio i dati richiesti dall’emissione.

Il sistema di tracciabilità previsto dall’introduzione della ricetta elettronica, verrebbe esteso anche ai farmaci veterinari equiparandoli ai farmaci di uso umano assicurando la registrazione del passaggio del farmaco nella banca dati del ministero della Salute.

Da una parte il sistema zootecnico italiano è uno dei pochi in Europa che riesce a assicurare la tracciabilità nell’utilizzo dei farmaci sugli animali, dalla prescrizione veterinaria fino alla somministrazione, ma è anche vero che  l’Unione Europea continua ad accusare il nostro Paese di essere tra quelli con il consumo maggiore di farmaci per animali: l’introduzione della ricetta elettronica potrebbe porre un freno a una problematica del genere.

 OBBLIGO DI FATTURA ELETTRONICA, DAL 1 SETTEMBRE 2018

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>