Lily, la gatta impaurita che amava stare in giardino

di cinzia iannaccio Commenta

A fine inverno 2011, con il mio fidanzato siamo andati a fare la spesa in un orario e e giorno diversi dal solito. Mentre stavamo portandola in casa abbiamo sentito un miagolio di paura. La guardia di sicurezza del condominio ci ha detto che un altro affittuario se ne era andato, abbandonando i suoi animali domestici, tra cui un gatto, che era fuggito fuori e si nascondeva tra i cespugli. Avevamo già un gatto, il massimo consentito nel nostro condominio, ma lo abbiamo comunque preso e portato dentro con noi. – “Solo per questa sera, lo porto al riparo domani mattina!” Ho detto al mio fidanzato.

Sapevamo entrambi che era una bugia! Ci siamo innamorati di lei (era una femmina) ed è diventata un membro amato della nostra famiglia. Era chiaro dal suo comportamento ombroso che era stata abusata. Ci sono voluti un sacco di amore, cura e pazienza per aiutarla ad adattarsi alla sua nuova vita, ma ci siamo riusciti ed è cresciuta come un dolce, amorevole gatto – benché abbia continuato a mantenere una forza feroce e senza tolleranza o diplomazia nei confronti delle sciocchezze, che noi chiamavamo “mettere la zampa verso il basso “. Il nostro primo gatto è un po’ il cocco di papà, ma lei- Lily- era tutta mia. Ogni mattina, mi svegliavo e mi faceva correre giù per le scale per lasciarla andare fuori sul nostro patio. Abbiamo passato ore in giardino, fuori, a guardare gli uccelli insieme. Ci piaceva. Abbiamo mangiato i fagioli verdi insieme e mi ha aiutato a leggere libri e documenti di qualità. Purtroppo, l’anno scorso ha sviluppato una rara malattia aggressiva ed è scomparsa che aveva 5 anni circa. Mi manca ogni giorno. Continuo a “mettere la zampa verso il basso” nella mia vita, proprio come lei mi ha insegnato.
Lacey Sparks
Lexington , KY”

 

Per The Animal rescue Site.com

Leggi qui, altre straordinarie Storie di gatti e Storie di cani

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>