Golden Retriever veglia il suo cucciolo morto

di Giulia 1

L’immagine che sta facendo il giro del mondo è di una tenerezza e di un amore disarmante: una femmina di Golden Retriever seduta in un cimitero accanto al suo cucciolo morto, come se lo stesse vegliando. A scattare la foto è stato Hunter Cone, un ragazzino che vive in Georgia e che stava visitando il cimitero in quanto monumento storico: avendo notato il cane, ha cercato di farsi seguire e di farlo spostare ma proprio non c’è stato verso.

Golden Retriever

Incuriosito da questo comportamento il ragazzo si è avvicinato ed ha notato il cucciolo morto, non si sa ancora per quale motivo. Mosso da compassione Hunter ha portato a quella madre sfortunata acqua e cibo, per rifocillarla, e per farle sentire un pò di calore umano: il ragazzo intervistato dalle tv locali ha dichiarato:

Se questo non prova che i cani hanno sentimenti, così come le persone umane, allora non credo che ci sia altro in grado di farlo.

Le associazioni animaliste chiamate per occuparsi dell’amico a quattro zampe hanno visto il Golden tentare anche di seppellire il cucciolo scavando un buco, ma alla vista degli operatori sarebbe fuggito, lasciando il lavoro incompiuto. Pare che il cane fosse molto conosciuto in zona, viveva nel cimitero già da qualche tempo e non si lascia avvicinare dagli umani: gli operatori stanno cercando di conquistarsi la sua fiducia per poterla avvicinare e trovarle finalmente una famiglia, che la ami e la rispetti.

Una bella storia d’amore, che ci deve fare riflettere non solo sulla sensibilità che gli amici a quattro zampe dimostrano, ma anche sul sentimento di pietà nei confronti dei loro familiari e loro simili. Ricordiamo anche il cane che ha vegliato l’amico pelosino morto lungo la strada: un altro esempio di pietà e sensibilità.

foto credit

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>