Golden Retriever: alimentazione cuccioli

di Redazione Commenta

golden retriever cuccioli

Un cucciolo di Golden Retriever è splendido: con il suo musetto dolce ed il suo pelo soffice, fa una tenerezza incredibile! Ma non dimentichiamoci che si tratta di un cane che necessità di cure e di molta attenzione per quel che riguarda soprattutto l’alimentazione, che deve essere specifica e bene equilibrata. Per prima cosa, dopo lo svezzamento, abituate il vostro cucciolo a mangiare le crocchette, cibo secco che gli garantisce l’apporto di tutti gli elementi necessari per una corretta crescita. Trattandosi di un cucciolo dovrete scegliete alimenti che siano adatti a lui: via libera alle linee puppy che si trovano in commercio, preferendo le linee premium delle migliori marche, senza tracce di grano, mais o soia.

Il vostro pet poi andrà pesato ogni quindici giorni circa, per verificare da un lato se il suo peso è regolare ed in linea con gli standard, dall’altro per aumentare proporzionalmente l’apporto di cibo: ricordatevi di pesare gli alimenti secondo quanto consigliato dal vostro veterinario di fiducia. Il Golden Retriever se non controllato e tenuto in movimento, tenderà ad ingrassare ed un cane grasso non è nè bello nè in salute: le sue ossa infatti rischiano di sovraccaricarsi dal peso eccessivo, portando con il passare degli anni all’insorgere di patologie, anche gravi. Come premio si a snack per animali, o meglio ancora si alla frutta (come le mele) o ad un cucchiaio di yogurt naturale non zuccherato.

Attenzione a non fornire al vostro cucciolo un’alimentazione troppo energetica: questa infatti può accelerare l’accrescimento del peso, provocando nel lungo periodo danni alle strutture ossee e articolari e favorendo le cosiddette malattie ortopediche dello sviluppo (DOD). Lo stesso dicasi per l’eccesso di calcio e fosforo, che danneggiano le cartilagini e le articolazioni. Niente integratori minerali se la dieta del cane è già completa e bilanciata. Ma com’è composto l’alimento ideale per i cuccioli di Golden? Le proteine, rigorosamente di origine animale, dovranno costituire l’apporto principale del pasto, oltre il 25% del totale , grassi non oltre il 15%, via libera a fibre, calcio e fosforo, in misura non superiore le prime al 3%, i secondi all’1%: in generale il contenuto in energia non deve essere superiore alle 380 kcal ogni 100 grammi di prodotto.

Foto credits: Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>