Il gatto Himalayano

di Redazione 1

gatto himalayano

Il gatto himalayano è il frutto di una serie di incroci e di programmi di selezione tra un Siamese e un Persiano; non tutte le associazioni la considerano una vera e propria razza, ma, comunque, viene riconosciuta come varietà o sottorazza del Persiano.

Le punte di pelo più scura rispetto al resto del corpo, che si trovano su orecchie, maschera, arti e coda, sono dovute ad un gene di tipo recessivo chiamato Himalayano, che determina questa colorazione del pelo; quando nascono i gattini sono tutti bianchi e tendono a scurirsi intorno alla terza o alla quarta settimana di vita; un altro effetto del gene Himalayano è rappresentato dagli occhi che variano dall’azzurro al blu. È un gatto di corporatura media dal pelo lungo e folto, con la coda corta ma proporzionata alla lunghezza del corpo; in genere gli esemplari maschi possiedono una maschera più estesa rispetto alle femmine.

Il gatto Himalayano è un gatto tranquillo e docile, ma a differenza del Persiano, è anche molto allegro, vivace e giocherellone, caratteristiche che derivano dall’incrocio con il Siamese. È necessario spazzolare spesso il mantello, e proprio a causa del suo pelo così folto è bene cambiare spesso la lettiera perché i granuli potrebbero rimanere incastrati tra  il pelo e le zampe. Purtroppo, il gatto Himalayano è frequentemente soggetto a strabismo e alla displasia all’anca.

 

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>