Se il gatto arcua la schiena, addrizza il pelo e soffia

di cinzia iannaccio Commenta

gatto addrizza pelo arcua schiena soffia

Il gatto arcua la schiena ed addrizza il pelo? E’ una delle modalità che il micio ha per comunicare un suo spavento: si mette cioè sulla difensiva con questa posizione del corpo, alla quale abbina anche orecchie abbassate all’indietro, coda dritta, naso arricciato e bocca spalancata con denti digrignati. Non di rado il micio soffia anche a chi si avvicina.

L’istinto di sopravvivenza, porta i gatti in caso di pericolo ad assumere questa postura inconsciamente come se volessero spaventare il nemico, dimostrandosi più grandi. La pilo erezione, cioè il pelo addrizzato è l’equivalente della nostra pelle d’oca che si manifesta proprio in caso di paura o di freddo. Interessante è invece l’allungamento vero e proprio che c’è nell’arcuare la schiena: la colonna vertebrale felina conta infatti circa 60 vertebre, il doppio delle nostre, che in tal caso vengono ben distese e mostrate (per lo stesso motivo tende a fare spesso stretching e riesce ad assumere le posizioni più buffe ed elastiche). Il  linguaggio del corpo del gatto in questo caso può essere paragonato a quello di un serpente che, sulla difensiva e pronto all’attacco, si drizza e comincia a sibilare.

E proprio con un sibilo di serpente può essere confrontato il suono che il gatto emette quando soffia: la conferma arriva anche dagli etologi.

Un gatto può assumere questo atteggiamento improvvisamente, per uno spavento immediato, arcua la schiena e addrizza il pelo davanti ad un cane, ad altri gatti, ad estranei  o bambini e soffia, fino a quando non si sente sicuro. Cosa fare? Raramente attacca, a patto che qualcuno non insista nel volerlo toccare o prendere.  Fate in modo che si allontani, si metta in sicurezza, e si tranquillizzerà. Se questo atteggiamento si ripete in caso di uno stress, magari dovuto alla novità di un nuovo gatto in casa, basterà portare pazienza e fare in modo che i due gatti con gradualità socializzino.

Fonte: Petplace

Foto: Thinkstock

 

 

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>